Lacrime per crescere

Vi ricordate della prima volta che avete pianto, che vi siete commossi per un film o una storia?

Io sì: ero al cinema a vedere ET e ricordo le calde lacrime che mi bagnavano le guance di bambina al vedere il povero extraterrestre malato lontano da casa! Da allora le occasioni per emozionarmi davanti a immagini o a frasi di un libro sono state tante anzi tantissime… diciamo pure che contarle è impossibile! Io sono riuscita a piangere anche guardando Cars – Motori Ruggenti, per dire!
Ed emozionante è stato vivere queste sensazioni con gli occhi dei miei due figli.
Bea ha pianto per la prima volta guardando Monsters&Co. Aveva circa quattro anni ed è capitato con un film che non aveva mai visto e che in realtà non fa parte dei suoi film preferiti. Ma di fronte a Boo che deve salutare “per sempre” il suo amico mostro Sullivan, Bea non ha retto e, stupita, si è trovata a piangere. Stupita, sì, perchè fino a quel momento il pianto era destinato al dolore fisico o al distacco da me. Stranita lei ed emozionata io!
Penso sia un momento fondamentale della crescita emotiva di un bambino e starle vicina per farle capire che era un sentimento in un certo senso positivo è stato un momento speciale!
E pochi giorni fa è successo anche ad Andrea. Il film incriminato? Big Hero 6! A differenza di Bea, questo film lo abbiamo visto già un sacco di volte, lo amiamo e amiamo i personaggi! Lo conoscete? Io ve lo consiglio davvero. E se la sottoscritta ha pianto dall’inizio alla fine (viene trattato anche il tema della morte), a lui è venuto da piangere alla fine del film (non voglio spoilerare, ma preparate i fazzoletti!), dopo averlo visto enne volte.Mi chiedo cosa ha scatenato dentro di lui questa particolare reazione. Mi stupisco di come sia misteriosa la mente umana e soprattutto quella dei bambini. Tanto misteriosa quanto meravigliosa!
E di nuovo ho stretto a me il mio cucciolo in un abbraccio ricco di emozione!