1826 giorni

Oggi sono mamma da 1826 giorni.
Il viaggio più incredibile, difficile, stupefacente, emozionante della mia vita è iniziato cinque anni fa, quando ho sentito il tuo vagito per la prima volta.

IMG_6424

Siamo ci siamo imbarcati insieme in questa avventura, tu eri puro istinto e io pensavo di essere quella che usava la ragione, invece il più delle volte hai preso tu per mano me indicandomi strade che mai avrei pensato di percorrere, con la ragione.
Oggi compi cinque anni e solo a cinque anni si può essere così felici di celebrare un compleanno.
Quello che ti auguro è di diventare grande tenendo dentro di te un pezzetto di questa età e della felicità che hai oggi, di conservare la curiosità per quello che ti circonda e la voglia di chiedere e imparare che hai oggi.
Ti auguro che resti un pochino della capacità che hai oggi, a cinque anni, di perdonare gli altri e dimenticare i torti subiti, che ti resti l’incondizionata accettazione senza giudizio, del prossimo e delle differenze.
Ti auguro che il bimbo di cinque anni di oggi domani abbia sempre un po’ paura del buio tanto da volere ogni tanto la mamma vicino e ti auguro che ti resti un po’ di purezza nello sguardo quando guardi gli altri.
Spero che tu possa restare sempre un pochino convinto come sei oggi che i Buoni vincano sempre e che per i Cattivi la punizione arrivi inesorabile.
Ti auguro di restare sempre, almeno un po’, come un bimbo di cinque anni che vive aspettando solo le cose belle della vita, e guarda il futuro con fiducia, come fai adesso.
Ti auguro di riuscire a ridere con il cuore, come fai adesso, anche quando sarai grande e di svegliarti con gioia ed entusiasmo per sempre, anche da grande.

Festeggio anche io oggi, i miei primi 1826 giorni da mamme (e relative 1826 notti di cui almeno 826 in bianco) e non potrei essere più grata alla vita. Essere la tua mamma lo considero sempre un grande privilegio. Il regalo che mi fai è quello di poterti stare accanto, di crescere insieme a te come mamma e come essere umano e poter ricordare ogni istante come è bello avere cinque anni.