“A casa di Gin”: Introduzione e…Come vi salvo il frigorifero!

Grazie al suggerimento di qualche casalinga disperata che si nasconde tra le mie amiche ho deciso di inaugurare questo spazio per darvi qualche consiglio per l’ organizzazione in casa.

Dichiaro subito che non sono perfetta, ci sono giorni in cui regna il caos più totale anche a casa mia ed è proprio in quei giorni che mi rendo conto di come la catena dell’ organizzazione non debba mai spezzarsi. Le conseguenze da me sono pessime, ma succede. Da quando è nata Matilde naturalmente le mie priorità sono cambiate, ora è sempre al primo posto la pulizia, l’ordine un pò meno.

Non ho la presunzione di regalarvi un manuale da seguire, ma solo di lasciarvi qualche idea da plasmare sul vostro stile di vita.

Per cominciare oggi vi parlo del frigorifero!

come vi salvo il frigorifero di @Petitmati

Come per ogni cosa si inizia dalla pulizia: pulire il frigorifero regolarmente permette un’ azione più veloce (questa regola vale per ogni ambiente), se dedichi dieci minuti più spesso non ti ritrovi a dover grattare residui di cibo o macchie incrostate di nemmeno sai più cosa impiegandoci ovviamente molto più tempo e rischiando contaminazioni incrociate. Per pulirlo e igienizzarlo io uso acqua e aceto, esistono in commercio prodotti specifici ma preferisco rimanere su un metodo classico e naturale. Un’ altra cosa importantissima è non lasciare che si crei lo strato di ghiaccio, la temperatura deve essere impostata sui quattro gradi circa. Non lasciate che gli avanzi arrivino al punto di chiedervi di essere buttati, abbiate l’ accortezza di non dimenticare cose che dopo un pò prendono vita e si lanciano nel pattume da sè.

Una volta pulito sistemate all’interno la vostra spesa.

Apro una piccola parentesi sulla spesa. Tendiamo tutti a fare spese grosse, rifornimento con confezioni sempre formato famiglia perchè siamo tutti di corsa e speriamo di risparmiarci un giro al supermercato riempiendoci il carrello, inoltre siamo ingannati dal giochino compri tre paghi due, ma quanto cibo purtroppo scade senza nemmeno che la confezione sia stata aperta? E’ inutile infatti comprare due tipi di tortellini, gnocchi e lasagne che scadono nel giro di poco, se mangiate a casa solo alla sera, difficilmente riuscirete a consumare tutto in tempo. L’ideale sarebbe programmare a grandi linee il menù settimanale ma nemmeno io ci riesco, però rispetto ad una volta ho imparato ad essere più attenta a quello che compro e realista per i tempi di consumo nella mia famiglia.

Cercate di farvi una lista da tenere appesa in cucina, una lavagnetta, annotate tutto ciò che finite e che vi viene in mente di voler cucinare, così non tornerete a casa dal supermercato senza zucchero e olio. Se riuscite a non dimenticare di comprare qualcosa di necessario quando andate al supermercato sarete già a buon punto e non dovrete tornarci.

Cercate di essere davvero più selettivi e imparate dagli errori, non riempite il frigorifero (la dispensa è un discorso a parte), mettete tutto in ordine di scadenza, davanti i prodotti che devono essere consumati prima. Piccolo consiglio per chi non lo sa, quando andate al supermercato scegliete le cose più nascoste, se controllate vedrete che hanno la data di scadenza più avanti rispetto ai prodotti in prima fila.

Il frigorifero pieno in realtà è proprio dannoso, l’aria non circola bene come dovrebbe compromettendo la conservazione degli alimenti e pure il dispositivo a lungo andare ne risentirà.

Come sistemare quindi gli alimenti? Ogni categoria ha il suo posto, lo sapevate?

  • Il ripiano più freddo è quello più basso dove vanno riposti i cibi più velocemente deperibili come pesce, carne e salumi.
  • Più in alto possiamo invece mettere latticini, uova e cibi cotti.
  • Frutta e verdura vanno messi negli appositi cassettoni in basso.

  • per le varie salse usate i ripiani dello sportello, dove mettete anche l’ acqua e le bibite.

Naturalmente per motivi di igiene tenete ben separati i cibi già pronti che consumerete così come sono da quelli che invece dovrete cucinare o lavare, separate anche le carni rosse da quelle bianche e in contenitori ben chiusi. Se usate sottaceti, salse, barattoli vari insomma, vi consiglio, secondo la mia esperienza, di non aprirli tutti insieme, ma un paio per volta se ci mettete molto a finirli, capita spesso di non ricordarsi più da quanto tempo sono aperti e nel dubbio di buttarli. La salsa di pomodoro conservatela in un vasetto per pochi giorni e anche le latte aperte ma non finite, travasate il contenuto sempre in un contenitore.

In particolare, aspettate che gli avanzi si siano raffreddati per riporli in frigo, inserire prodotti caldi infatti sottrae freddo all’interno e favorisce la formazione della brina e dei batteri, oltre ad aumentare i consumi energetici. Per la questione consumo energetico mi raccomando non continuate con l’ apri – chiudi dello sportello del frigo e non tenetelo aperto troppo a lungo.

come vi salvo il frigorifero di @Petitmati

Conservate i cibi in contenitori adatti alla temperatura del frigo, io per il freezer mi trovo bene con questi di Tupperware, visto che ogni week end faccio scorta di porzioni di passato di verdure e ragù, ho varie misure a disposizione e grazie a questo modello inoltre in un attimo stacco il contenuto dal recipiente.

Vi riporto questo post di Viviana22 molto utile per il congelamento e scongelamento corretto dei cibi.

Invece conservo i vari ortaggi in queste vaschette fridgesmart sempre di Tupperware, che permettono di aumentare o diminuire il circolo di aria con un semplice clik che apre e chiude due fori. Comodissime anche perchè viene riportata sopra una legenda con le varie tipologie di frutta e verdura disegnate e divise per come devono essere conservate nel contenitore, con i fori chiusi o aperti. Sinceramente, la differenza si vede, rimangono freschi un pò più a lungo. Invece per conservare gli avanzi, che possono essere unti, uso le vaschette di vetro Frigoverre perchè riesco a pulirle più facilmente. Ancora di Tupperware è il mio porta formaggi, trovo molto utile un contenitore specifico per i formaggi, come anche per il burro e il grana. Conservo in frigo anche il caffè macinato in un barattolo di latta e l’ aroma rimane intatto. Ma trovate ottimi contenitori anche di altre marche e anche alla mia amata Ikea!

Un rimedio naturale per assorbire gli odori è utilizzare un po’ di bicarbonato in un recipiente.

Vi lascio qui come sempre la mia board di Pinterest come fonte d’ ispirazione.

Alla prossima!

@Petitmati