A piedi nudi a Cannes

A partire dal festival di Cannes, qualche considerazione sul make-up delle donne vere e fiere di essere tali!

Il Festival di Cannes parte con una bellissima Julia Roberts, in difficoltà con le scarpe tacco 12 che si è tranquillamente sfilate lasciandole sul red carpet, ovviamente i fotografi sono impazziti.Ma non solo, penso che gli addetti alla security hanno iniziato ad agitarsi, visto che per quanto lei ovviamente può permettersi di tutto, e sollevando il suo bellissimo abito firmato Armani Privé ha salito la scalinata della Croisette come se fosse a casa sua, é ben saputo (e anche criticato) lo stretto protocollo del festival. Che quasi “obbliga” le attrici a usare dei tacchi altissimi se vogliono fare il loro ingresso trionfale.

festival di cannes
Oltre a questa nota di colore, dopotutto con quel sorriso Julia Roberts si poteva permettere questo ed altro, vorrei scrivere sulla libertà nel trucco. Si, di solito quando si parla di make-up e tendenze non si usa la parola libertà, ma piuttosto si parla di cosa dettano le tendenze e quindi cosa usare e come.
Infatti io potrei cominciare a parlare delle tendenze, di rossetti ad esempio, sottolinearvi come il rosa o il fucsia sulle labbra stanno vincendo sul classico rosso. Dove è finito il nude? Potrei commentare le sfumature di blu, neri e grigi sui occhi… O le acconciature molto meno vistose di quanto ci aspettassimo (tranne una principesca Blake Lively, coroncina compresa).
Ma seguendo le tracce di quei piedi nudi “alla Roberts” mi voglio soffermare su altro: sulle donne vere! Che oltre a dive del cinema hanno dimostrato di essere donne di carne e ossa.
Parliamo di Amal Clooney, grande eleganza nella scelta dell’abito e nei modi cosa che non ci sorprende, ma che sopratutto ci ha colpito per il suo viso. Con il suo make-up non ha cercato più di coprire le rughe e l’età ma di enfatizzare una donna di carattere, con personalità e sicurezza. Infatti non è soltanto la moglie di George Clooney.

festival di cannes
E parlando di donne sicure di sé non si può dimenticare Susan Sarandon, esplosiva con dei tacchi altissimi e con uno stile inconfondibile. Quest’anno compierà settanta anni e si potrebbe veramente affermare guardandola “l’età vera e’ quella che uno si sente“. Con quel portamento ha eclissato attrici molto più giovani e appariscenti.
Questo dovrebbe fare il make-up! Enfatizzare il meglio di noi, che non sempre viene dettato dalle mode del momento. Ma il festival non è finito ancora. Quant’altro ci aspetta?

festival di cannes