Una bocca al bacio

Questo mese si parla di coppie.

Sia mai che io tolga tutto il romanticismo e le riflessioni sulla vita a due, andando a parlare di batteri, quindi vi scrivo un post breve, con due consigli pratici per avere sempre la bocca pronta per un bacio.

Un bacio, veloce, frettoloso, un bacio di “ciao, a dopo”, uno appassionato, rubato, rappacificatore.

Insomma, il bacio che volete!

Il problema principale che in molti si trovano ad affrontare, e che desta non poco imbarazzo, è l’alitosi.

Innanzi tutto è bene precisare che il 90% dei casi di alitosi è da deputare al cavo orale e solo un 10% ad altre patologie sistemiche, e che, purtroppo, è credenza diffusa considerare il problema legato allo stomaco o alla digestione.

Non è così, il cattivo odore, nel 90% dei casi appunto, è causato da alcuni ceppi di batteri anaerobi (cioè che proliferano in assenza di ossigeno) che vivono nel cavo orale e che, in determinate condizioni, producono gas a base di zolfo (quindi puzzano!).

 3_una bocca al bacio

Cosa fare, quindi, per avere un alito fresco?

AVERE CURA DELLA PROPRIA IGIENE ORALE:

–       Lavarsi i denti per due minuti tre volte al giorno è la base per una bocca sana ma non dimentichiamo il filo interdentale che, passato tutti i giorni regolarmente, rimuove batteri e residui di cibo.

–       Non trascurate la lingua, va spazzolata ogni giorno perché trattiene anch’essa moltissimi batteri, meglio se si utilizza un raschietto pulisci lingua, via aiuterà a raggiungere il terzo posteriore della lingua (la parte che da verso la gola).

–       Infine, un’igiene orale professionale periodica, per rimuovere il tartaro che, eventualmente può essersi formato.

ALTRI CONSIGLI UTILI:

–       Limitare il consumo di cibi ormai riconosciuti con causa di alitosi, come aglio, cipolla e cavolfiore.

–       Favorire un’alimentazione a base di frutta e verdura.

–       Ridurre l’uso dell’alcol che provoca disidratazione del cavo orale favorendo lo sviluppo dei batteri che provocano l’alitosi;

–       Ridurre il fumo

–       Evitare la “bocca secca”. Quindi, bere costantemente durante la giornata (ciò favorisce la produzione di saliva che apporta ossigeno sfavorendo lo sviluppo dei batteri anaerobi).

 

Nel caso in cui si faccia parte di quei casi in cui la motivazione dell’alitosi è legata a patologie sistemiche sarà importante rilevarne la causa, parlatene con il vostro dentista o igienista, sapranno indicarvi uno specialista.

 

Buoni baci a tutti!