Conserve estive: melanzane sott’olio

Estate: tempo di colori e odori, nonché di sapori pieni che vorremmo poter portare con noi tutto l’anno.
Non è un caso che le conserve vengano fatte proprio in questo periodo dell’anno.

Alzi la mano chi non abbia mai partecipato, attivamente o meno, al rito della passata di pomodoro, per esempio. Ricordo ancora l’odore e l’avvicendarsi ed affaccendarsi in cucina dei miei nonni e di mia madre: un rito che si rinnovava ogni volta che quella salsa contribuiva a creare il sapore della tavola.

Fare i pomodori” era un po’ il simbolo del fermare quel periodo dell’anno fatto di sole sulla pelle, di salsedine rubata alla vacanza o di giornate in bicicletta. Quel sugo, anche mesi dopo, sapeva di calore, gelati e ginocchia sbucciate.

Allo stesso modo, molti altri ortaggi e frutti estivi si prestano ad essere in qualche modo trattati per poter essere gustati anche in inverno.
A parte le marmellate, che rappresentano un po’ il must in questo campo, ci sono i gustosissimi sott’oli.

Qualche settimana fa, più o meno, per esempio, a casa Latana Senior abbiamo deciso di preparare delle gustosissime melanzane sott’olio. Semplicissime da fare, magnifiche da mangiare (direi che il problema è che finiscono troppo in fretta, una volta aperte).


Vi serviranno

Melanzane oblunghe

Aceto

Aglio

Origano secco

Peperoncino (facoltativo, ma ha il suo perché: fidatevi)

Olio extravergine di oliva

Barattoli da conserva

 

Procedimento

Per prima cosa bisogna tagliare le melanzane in fette da circa 8 mm (andate serenamente a occhio eh); a questo punto potete scegliere come cuocerle: noi abbiamo approfittato di avere acceso il barbeque per cuocere la carne e, quando il fuoco era praticamente brace, abbiamo cotto le melanzane direttamente sulla griglia, ma potete anche grigliarle in padella.

melanzane sottolio

Dopo averle grigliate, dovete dargli una bollitura in acqua e aceto (più o meno due terzi di aceto e un terzo di acqua) per qualche minuto e poi lasciarle riposare su un canovaccio per una giornata.
A quel punto il gioco è praticamente fatto.

melanzane sottolio

Un passaggio assolutamente fondamentale è quello di sterilizzazione dei barattoli per le conserve: personalmente li bollo in una pentola d’acqua mettendo tra loro degli strofinacci (altrimenti bollendo sbatterebbero tra loro, rompendosi).

A barattoli freddi, si inizia a comporre il nostro tetris di gusto: partiamo da 3-4 fette di melanzane (mettetele un po’ a raggiera), poi mettete un po’ di aglio sminuzzato benissimo e di origano secco e ricominciate con le melanzane (sempre a gruppi di 3 o 4). Quando avrete raggiunto più o meno la metà del barattolo, nello strato di aglio e origano aggiungete un po’ di peperoncino sbriciolato (occhio alle mani, dopo! :D) e poi proseguite come prima.

Quando avrete riempito il barattolo con le melanzane intervallate dai vari condimenti, iniziate a metterci l’olio extravergine di oliva.
Tutte le melanzane devono essere completamente coperte d’olio, quindi dovete assicurarvi che non ci siano bolle d’aria o zone in cui l’olio non è penetrato. Quando il barattolo è pieno d’olio, chiudetelo e lasciatelo “riposare”.
Controllate dopo qualche ora se è il caso di fare un rabbocchino di olio, dopo che il contenuto del vostro barattolo si sarà assestato.

melanzane sottolio

A questo punto potete mettere la vostra conserva in un luogo fresco e non esposto al sole diretto, pronti a gustarle fuori stagione e a offrirle agli amici!
Buon appetito! 🙂