Il Primo Agosto in Svizzera

Il Primo Agosto è il compleanno della Svizzera, una festa molto sentita dagli svizzeri che si ritrovano a festeggiare nei luoghi simbolo dell’Indipendenza, tra bandierine rossocrociate e il ricordo dell’eroe nazionale Guglielmo Tell.

Il prossimo primo agosto la Svizzera compirà gli anni: 725, se ho fatto bene i conti. La Confederazione è infatti nata nei primi giorni d’agosto del 1291 quando i cantoni Uri, Svitto e Untervaldo si allearono per contrastare gli Asburgo d’Austria. Questa festa si celebra ufficialmente dal 1891.

4852504571_cdae1cfdd4_b

Parlando del primo agosto svizzero, non si può non ricordare anche l’eroe nazionale Guglielmo Tell e la sua leggenda. Secondo la leggenda, il balivo austriaco di Uri e Svitto, Gessler, appese il suo cappello nella piazza di Altdorf come simbolo della dominazione asburgica e chiunque passasse era obbligato e rendergli omaggio. Guglielmo Tell si rifiutò di inchinarsi dinnanzi al cappello e per questo venne condannato a morte assieme al figlio Gualtierino. Gessler, sapendo che Tell era un abile balestriere, decise che avrebbe annullato la condanna a morte se Tell fosse riuscito a colpire con una freccia una mela posta sopra la testa del figlio. La prova venne superata, ma il balivo si accorse che Tell aveva una seconda freccia nascosta che sarebbe stata destinata a proprio a lui nel caso in cui     avesse colpito il figlio per errore. Per questo motivo Gessler fece arrestare Tell che venne rinchiuso in una barca diretta a Küssnacht. Improvvisamente si scatenò una tempesta e Tell, abile timoniere, venne liberato in modo che potesse portare in salvo l’imbarcazione. Riuscì ad avvicinarsi alla riva, dove oggi c’è la Tellskapell, e riuscì a mettersi in salvo. Tell sapeva che la sua famiglia non sarebbe mai stata al riparo dalla vendetta di Gessler, così raggiunse Küssnacht e uccise il balivo colpendolo con una freccia al cuore.

Secondo la tradizione, il Primo Agosto 1308 avvenne la liberazione della Svizzera originaria.

Da quando vivo in Svizzera ho partecipato a diversi festeggiamenti del primo agosto. Degli amici svizzeri ci avevano informato che tipicamente la mattina ci si reca in fattoria per il brunch e così facciamo anche noi: si trascorre la mattinata all’aperto mangiando prodotti locali mentre i bambini possono osservare la vita contadina. Dopo pranzo tutti a casa per poi partecipare ai festeggiamenti serali che cambiano ovviamente da città a città, ma normalmente sono caratterizzati dai fuochi d’artificio.

9459020265_fb27e286e1_k

4852467281_0389089a59_b

Le celebrazioni più importanti della festa nazionale si svolgono al Prato Rütli, dove venne firmato il Patto Federale del 1291. Io non ci sono mai stata, ma penso che prossimamente organizzerò un’escursione alla scoperta dei luoghi di Guglielmo Tell, in prossimità del Lago di Uri (Urnersee). Qualche anno fa avevo deciso di fare questo “giro patriottico”, ma poi, alla fine, mi sono fermata a Brunnen, città molto carina con dei panorami mozzafiato, e poi ho preso il traghetto fino a Beckenried (vicino a Lucerna).

9516810261_34da14308d_k

Il primo agosto sventolano numerose bandiere rossocrociate e molte case vengono decorate con le ghirlande di bandierine. Nel caso qualcuno non lo sapesse, ebbene sì: gli svizzeri sono molto nazionalisti!

Da non dimenticare di menzionare il pane del primo agosto! E se qualcuno fosse interessato al brunch troverà tutte le informazioni su questo sito .

3779374972_15d61ab38e_b