L’innamorato

Un albo sull’amore vissuto e descritto dai bambini, un modo per riavvicinarci all’infanzia attraverso uno dei sentimenti più puri e meravigliosi: l’amore.

Avete mai chiesto ai bambini di spiegarvi che cos’è l’amore? Cos’è l’innamoramento? Non ho mai visto nessun bambino non arrossire un po’ mentre provava a rispondere alla sua maniera, con le sue parole.

L’amore dei bambini è quello più puro ed è quello che meglio si avvicina al concetto di amore quello con la A maiuscola.

 

Nell’albo illustrato L’innamorato, ci viene restituito l’amore dell’infanzia, quello in cui bastava uno scherzo per avvicinarci al bambino o alla bambina che ci faceva battere il cuore. Ci parla dell’innamoramento fine a sé stesso, quello in cui non era affatto necessario avere un riscontro, un consenso, un amore a due.

L’amore dai tre ai dieci anni è qualcosa di meravigliosamente astratto.

Quando Salomé cerca di capire se Ernest, che le combina sempre scherzetti, si è davvero innamorato di lei, come le ha suggerito la mamma, chiede agli amici di spiegarle bene cos’è l’amore.

Il libro si snoda in pareri, ognuno degli amici di Salomé prova a dare una risposta su cos’è l’amore, ognuno di loro porterà alla luce una caratteristica, una sfaccettatura per niente banale dell’essere innamorati.

Qualcuno le dice che l’amore fa volare, qualcun altro che l’amore fa nascere i bambini e ancora qualcuno che l’amore è quello che si prova per la propria maestra.

Poi arriva Ernest e fa l’ennesimo scherzo a Salomé…forse l’amore è anche questo, un voler attirare l’attenzione.

L’amore non si spiega, nemmeno ai bambini, l’amore arriva da sé, puro, ingenuo e vero come solo i bambini lo sanno vivere.

 

Titolo del libro: L’innamorato

Autore e Illustratore: Rébecca Dautremer

Editore: Rizzoli

Target: dai 5 anni

Ci piace perché: è un albo molto carino, con illustrazioni ricche e colorate nelle sfumature del rosso da sempre sinonimo d’amore.

Lo consigliamo perché: tratta un tema misterioso, meraviglioso e al quale nessuno di noi è immune.

La frase che ci ha colpito: “Uff! Allora uno non si innamora mai” disse Marius, sospirando. “Invece si, succede sempre!” “E per sempre!” “O per cinque minuti…” “Per tutta la vita!”