La foodblogger del mese di giugno: la mamma cuocò

Prende inizio questo mese una nuova rubrica che ci porterà a scoprire nuovi foodblogger e splendide ricette! Partiamo alla grande conoscendo Elisa!

Noi Instamamme siamo sempre state convinte che la cucina abbia un forte potenziale in termini di integrazione, sentimenti, stimoli, e che proprio a partire da essa si rafforzino legami affettivi e familiari… non è un caso che abbiamo deciso di darle un grande spazio sia qui nel nostro sito che su Instagram, con appuntamenti fissi e iniziative di vario genere.
Eccoci quindi a presentarvi una nuova rubrica: il foodblogger del mese!
Cominciamo alla grande con Elisa, @la_mamma_cuoco su instagram, una vera e propria artista in cucina! Conosciamola meglio attraverso la nostra intervista!

 

Partiamo dal principio: chi è Elisa nella quotidianità? E perché proprio la mamma cuocò?

Elisa è una moglie, una mamma ed una donna lavoratrice. Una donna “specchio dei tempi” che cerca di essere soddisfatta di quello che fa quotidianamente e trasmettere soddisfazione ed appagamento ai propri cari.
Con questo non voglio dire che la mia vita somiglia a quella di Biancaneve, anzi, corro dalla mattina alla sera barcamenandomi tra lavoro, figli, marito e blog e non sempre mi riesce.
La mamma cuocò…tante cose buone, perché, quella streghetta di mia figlia, a soli due anni, raccontandomi  la favola di Cappuccetto Rosso usò appunto queste parole riferendosi alla mamma di Cappuccetto che cucinava per la nonna ammalata.

 

La tua passione per la cucina com’è nata: ha sempre fatto parte di te o è stata la fine di un percorso diverso?

Beh, partendo dalle calende greche, posso dire che è una questione genetica, la mia mamma, infatti, era una cuoca eccezionale ed una pasticciera sopraffina. Non pensate però che io l’abbia vista spesso all’opera, perché essendo io arrivata in tarda età (sono l’ultima di sei figli) mi sono persa tutta la sua parte creativa e inventiva. Mi sono rimaste scene di vita quotidiana ed emozioni legati alle pietanze. A differenza sua però io ho potuto approfondire e sviluppare questa passione che è ormai parte integrante di me.

 

I tuoi piatti rispecchiano anche molto gusto nella composizione… Sei un’autodidatta o hai seguito dei corsi?

Ma grazie! È sempre emozionante sentirsi dire che si ha gusto.
No, nessun corso, semplicemente io un piatto lo penso, lo visiono proprio così come vorrei che fosse, con quella composizione di colori, quell’accostamento di sapori e differenze di texture fino all’impiattamento. Lo so, posso sembrare maniacale o precisina, come dice mia figlia, ma vi assicuro che mi viene del tutto spontaneo e lo faccio senza fatica alcuna.

 

Cucinare per qualcuno è più un esprimere se stessi o cercare di intuire qualcosa dell’altro?

Posso solo rispondere per esperienza diretta, io quando cucino e creo piatti nuovi, sono in un mondo tutto mio, dove non esiste tempo, ansia e scadenze e dove regna il benessere…sono me stessa e sono felice. Tutto questo però fatto non come una cosa fine a se stessa, ma come un atto d’amore per i miei ospiti, siano essi amici o semplicemente i miei cari. È un modo, che purtroppo non fa più parte del nostro tempo, per coccolare e prendersi cura di chi ami.

 

Qual è il tuo ingrediente preferito? E quello che invece proprio non ti piace?

Adoro i prodotti del mare che vedo tutti i giorni solo alzando lo sguardo, in primis crostacei e molluschi, ma sono innamorata del cibo a tutto tondo, e, da golosa qual sono, amo i dolci, soprattutto quelli fatti in casa. Amo il cibo, profumi e consistenze che qui, al sud sanno di sole e mare. Va da sé, quindi, che non c’è niente che non mi piaccia.

 

La cucina unisce, crea atmosfera, comunica sentimenti: cosa è cambiato nella tua vita attraverso questa grande passione? E come mai hai deciso di condividerla attraverso un blog?

Si, è proprio così, sarà per questo che lo amo tanto. È  impermeato di ricordi di tavole imbandite, colori, profumi, risate e famiglia unita. Amore insomma.
La mia vita è cambiata nella misura in cui ho realizzato che non basta essere brava in cucina ed avere passione se si vuole trasmettere e condividere con gli altri. Ho dovuto imparare ex novo, tutto un mondo digitale fatto di tastiere, foto, plugin e fisica quantistica applicata.
Ho ritenuto, visti i tempi digitali che viviamo, che creare il blog, fosse l’unico modo per entrare in contatto con le persone ed avere anche una sorta di libro di ricette, correlato da aneddoti e pezzi di vita quotidiana, da lasciare un domani ai miei figli che con la maturità potranno leggere di me e conoscermi un po’ di più.

 

Hai mai pensato di scrivere un libro di ricette? E nel caso decidessi di farlo, che tipo di cucina proporresti?

Mi è stato proposto e non nego di averci pensato a mia volta, mi piacerebbe tantissimo perché come ho già detto tutti i miei piatti raccontano una storia passata o del quotidiano, un ricordo del passato o di uno che in futuro lo sarà; per questo penso proporrei piatti della tradizione e familiari ma sempre rivisitati e intrepretati, non dimentichiamoci che alla fine si guarda sempre avanti facendo tesoro del passato e che in cucina non ci sono ingredienti o piatti nuovi, ma solo nuove interpretazioni.

 

Instagram è il nostro social di elezione e ovviamente lo amiamo particolarmente, anche perché è proprio grazie ad esso che abbiamo avuto la possibilità di entrare in contatto con persone come te, che attraverso le foto regalano agli altri un pizzico della loro passione ed esperienza… tu come vivi: una semplice vetrina o una nuova piattaforma di scambio interpersonale?

Non ho mai vissuto Instagram come una mera e semplice vetrina, è il social che amo di più in assoluto, è immediato, coinvolgente e vero. Parlo e rispondo ai miei followers quotidianamente ed ho con alcuni, che mi seguono dagli inizi, un vero e proprio rapporto di amicizia. Una foto trasmette amore, passione e bellezza, e se tutto questo è accompagnato da empatia ed emozioni parliamo di momenti di vita, di quotidiano condiviso con persone a volte molto sole, a cui, un tuo buongiorno o un sorriso può cambiare la giornata.

la mamma cuoco 3

 

Ed ora lasciamo che a parlare sia proprio uno dei buonissimi piatti di Elisa: la Cheese Cake salata alle due mousse con pomodorini confit e pistacchi

Ho pensato a questa ricetta per darvi qualcosa di fresco in vista della stagione estiva.

Una cheese cake da non cuocere ed in versione salata per un aperitivo tra amici o un antipasto in una sera estiva, magari prima di una grigliata o un piatto unico a cui aggiungere una fresca insalatina. Una mousse al parmigiano delicata che si sposa con la sapidità della mortadella e la croccantezza dei pistacchi e la dolcezza dei pomodorini confit.

la mamma cuoco 4

Ingredienti per una cheese cake di 25 cm di diametro

Per la base

  • 200 gr di crackers o Tuc o Ritz
  • 100 gr di burro fuso

Per la cheese cake

  • 300 gr di yogurt greco non zuccherato allo 0% di grassi
  • 300 gr di ricotta fresca
  • 350 gr di panna fresca montata
  • 150 gr di mortadella
  • 100 gr di parmigiano reggiano
  • 14 gr di gelatina in fogli ( colla di pesce ) ammollata per 10 min. in acqua fredda
  • 300 gr di pomodorini datterini confit
  • 100 gr di pistacchi tritati
  • Sale q.b.

la mamma cuoco 1

 

Procedimento base

  1. Frullare i biscotti fino a ridurli in polvere.
  2. Unire il burro e mescolare per rendere il tutto omogeneo.
  3. Stendere il composto in uno stampo a cerchio apribile con il dorso di un cucchiaio. Livellare tutto e porre lo stampo in freezer per mezz’ora.

Procedimento cheese cake

  1. Mescolare lo yogurt alla ricotta.
  2. Riscaldare 4 cucchiai di panna presi dal totale (prima di montarla), unire la colla di pesce strizzata e mescolare bene per scioglierla.
  3. Unire la panna e la colla di pesce al composto di yogurt e ricotta.
  4. Montare il resto della panna e unire anche questa al composto.
  5. Dividere il composto in tre parti ed unire ad uno dei composti la mortadella tritata finemente.
  6. Unire agli altri due composti il parmigiano ( 50 gr per composto ) e regolare di sale.
  7. Prendere lo stampo dal freezer e mettervi un primo strato di mousse al parmigiano. Riporre di nuovo in freezer per 10 min.
  8. Prendere lo stampo dal freezer ed aggiungere la mousse di mortadella. Livellare bene e riporre in freezer per altri 10 min.
  9. Prendere lo stampo dal freezer ed aggiungere l’ultimo strato di mousse al parmigiano. Riporre per 5 min in freezer.
  10. Prendere dal freezer e decorare con la granella di pasticchi e i pomodorini confit.

Ingredienti per i pomodorini confit

  • 300 gr di pomodorini datterino
  • zucchero, sale, origano, timo, olio evo aglio tritato

Procedimento pomodorini confit

  1. Lavare i pomodorini e dividerli in due per la lunghezza.
  2. Metterli in una teglia ricoperta di carta forno con la parte tagliata rivolta su.
  3. Condire ogni mezzo pomodorino con un pizzico di sale, un pizzico di zucchero, qualche pezzettino d’aglio, il timo, l’origano e l’olio evo.
  4. Infornare in modalità ventilata a 150° o statica a160° per circa 30/35 min. in modo che si asciughino e caramellino. Lasciar raffreddare prima di guarnire la cheese cake.

 

la mamma cuoco 2