Lavoro: 10 consigli per inquinare meno

Essere green anche in ufficio: ecco 10 validi consigli per abbassare il proprio impatto ambientale einquinare il meno possibile.

Preoccuparsi del proprio impatto ambientale nella vita quotidiana non è più solo un fenomeno di nicchia. Soprattutto chi ha dei figli sente sempre più pressante la necessità di lasciare loro un ambiente sano e pulito, cercando di inquinare e sprecare il meno possibile. Anche sul posto di lavoro è possibile adottare piccoli accorgimenti che permettono di ridurre la cosiddetta impronta ecologica, oltre che di rendere più salutare e ospitale il luogo in cui si trascorre la maggior parte della giornata. Ecco dunque 10 consigli per inquinare meno sul posto di lavoro.

lavoro inquinare meno

1. Vai a piedi

Oppure in bicicletta, coi mezzi pubblici, organizza un piccolo car-pooling coi colleghi che abitano nella tua stessa zona. Insomma, evita, se possibile, di viaggiare da solo in auto. Oltre a ridurre la tua impronta ambientale, risparmierai un sacco di soldi.

2. Comprati una tazza

E usala per dissetarti, nelle ore di lavoro, con l’acqua del rubinetto. Ma anche per metterci il caffè del distributore o per prepararti una tisana in inverno. Questo piccolo accorgimento ridurrà drasticamente il tuo consumo di plastica da bottiglie e bicchieri.

3. Lavora ogni tanto da casa

Se la tua professione lo consente, punta ogni tanto sul telelavoro. Eliminerai, almeno per qualche giorno al mese, i costi ambientali legati al trasporto e all’eventuale consumo di pasti fuori casa.

4. Abbassa il riscaldamento e l’aria condizionata

Oppure chiedi alla direzione della tua azienda di farlo. La normativa nazionale impone precisi limiti alle temperature da tenere negli ambienti chiusi (in inverno, ad esempio, non si possono superare i 22 gradi mediati tra tutte le stanze dell’edificio). Non solo aiuterai l’ambiente e il bilancio aziendale, ma passerai la tua giornata lavorativa in condizioni di maggiore confort e salubrità.

5. Differenzia

La raccolta differenziata non è una faccenda esclusivamente “domestica”. Anche in ufficio è fondamentale separare le diverse tipologie di rifiuti, recuperando tutto quello che può essere riciclato. Se lavori in un’azienda che usa toner, farmaci, solventi, batterie o altri rifiuti speciali, informati sulle modalità di smaltimento adottate e contribuisci a sensibilizzare i tuoi colleghi.

6. Stampa di meno

Oppure non stampare affatto. Se lavorare a video ti affatica la vista, o la schiena, recupera la vecchia abitudine di prendere appunti su carta. Quando diventa necessario fare qualche stampa, utilizza fogli di recupero, sempre fronte/retro.

7. Datti al verde

Riempi la tua stanza di lavoro di piante, scegliendo magari specie particolarmente indicate per depurare l’aria di ambienti chiusi, come il Ficus, la Lingua di suocera o l’Aloe. Non solo migliorerai l’estetica e la qualità dell’aria all’interno del tuo ufficio, ma il tuo umore quotidiano trarrà senz’altro giovamento dalla compagnia di piante e fiori.

8. Mangia bene e bevi etico

Se possibile, portati il pranzo da casa, conservandolo in un contenitore riutilizzabile. Altrimenti, scegli pasti preparati con prodotti locali e di stagione, evitando di eccedere nelle quantità in modo da prevenire gli sprechi. Preferisci spuntini a base di frutta e verdura agli snack dei distributori automatici. Proponi alla tua azienda di scegliere macchinette del caffè (ed eventualmente di spuntini e merende) equipaggiate con prodotti del commercio equo e solidale, magari anche biologici. Sul mercato sono ormai disponibili diverse soluzioni per uffici, scuole e aziende di vario tipo. Anche col caffè in cialda.

9. Concediti un’ora d’aria

Molti uffici sono ormai progettati e realizzati in modo da non permettere nemmeno l’apertura delle finestre. Se puoi, approfitta della pausa pranzo o caffè per fare quattro passi all’esterno. Se hai un parco vicino, consuma lì il tuo pranzo quotidiano, e approfittane magari per fare una passeggiata rigenerante.

10. Spegni la luce

Anche se non sei tu a pagare le bollette, assicurati che le luci (ma anche computer, stampanti e altri dispositivi elettrici) siano spenti quando esci dall’ufficio. Durante la giornata lavorativa, assicurati che non siano accesi punti luce superflui, e ricorda ai tuoi colleghi di fare altrettanto. Non è solo una questione economica: lo spreco di energia ha un impatto molto grave sulle emissioni di gas a effetto serra, con conseguenze devastanti dal punto di vista del cambiamento climatico e della salute della Terra.