Le carote: amiche per la pelle e non solo

Scopriamo insieme alla nostra nutrizionista quali sono le molteplici proprietà della carota e i suoi più comuni usi in cucina.

Famose per gli effetti benefici su vista e pelle, le carote hanno moltissime altre proprietà. Scopriamole insieme.

La carota, o Daucus carota è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Apiaceae o Umbrelliferae, come il finocchio, il prezzemolo e il sedano. È un ortaggio assai comune in tutta l’Europa e il suo nome deriva dal greco KarotόnLa parte arancione che comunemente consumiamo, non è altro che la radice. Ne esistono di diverse qualità, tra cui gialle, arancioni, viola e nere che oggi abbiamo riscoperto grazie ai numerosi programmi di cucina che propongono ricette d’effetto.

Storia della carota

In origine, la carota era molto diversa da quella che conosciamo oggi: più piccola e di colore viola, anche se era possibile trovarne di arancioni e gialle. Le carote viola e gialle sono originarie dell’Afghanistan, dove furono coltivate per la prima volta circa 5000 anni fa e poi utilizzate da Greci e Romani.  A partire dal XII secolo si diffusero in tutta Europa, ma fu nei Paesi Bassi che tra il XVI-XVII secolo vennero effettuati degli incroci che portarono all’attuale ortaggio di colore arancione, come omaggio alla dinastia degli Orange.

proprietà delle carote

Valori nutrizionali

Le carote sono poco caloriche, 100 grammi forniscono 35 calorie e solo 9 grammi di carboidrati. Sono molto ricche di acqua (91,6 per cento) di fibre, vitamina C, vitamine del gruppo B, vitamina A e sali minerali tra cui potassio, calcio, fosforo, sodio, magnesio, ferro, zinco.

Sono perfette sia crude che cotte. La paura che cotte possano essere poco adatte per linea è infondata. Anche se le carote cotte hanno un indice glicemico elevato, il loro contenuto di carboidrati è così limitato che il loro impatto sulla glicemia risulta basso. 

Proprietà della carota 

Grazie al loro contenuto di antiossidanti come il betacarotene e altri carotenoidi, sono considerate alimenti anti-cancro e anti-invecchiamento perché aiutano a contrastare la formazione di radicali liberi. Alcuni studi hanno addirittura evidenziato che i polifenoli e le fibre delle carote nere, potrebbero aiutare a prevenire il tumore del colon.

Il betacarotene ha un’azione importante anche sulla pelle perché favorisce l’abbronzatura stimolando la produzione di melanina e quindi attiva la protezione dai raggi ultravioletti.

I carotenoidi hanno anche un’azione antianemica perché stimolano la produzione di globuli rossi.

Come zucca, albicocche e melone, questi ortaggi soni ricchi di Vitamina A e preziosi per la vista perché aiutano a migliorare la visione notturna.

Sono utili in caso di dissenteria perché grazie ai minerali e alle vitamine che contengono aiutano a remineralizzare l’organismo e l’inulina aiuta la ripresa della normale regolarità. In questi casi sono adatte sia sotto forma di purea, sia di succo fresco.

proprietà delle carote

Come consumarle

Per mantenere intatto il patrimonio di vitamina C, che si degrada con il calore, l’ideale è consumarle crude, in pinzimonio, nelle insalate o negli estratti che non surriscaldano le particelle di carota e non alterano il patrimonio vitaminico.

Tuttavia, anche cotte si rivelano estremamente benefiche perché il betacarotene sopporta bene il calore, e non viene quindi  distrutto da una breve cottura, che anzi ne rende più facile l’assimilazione. Non bisogna però  esagerare con i tempi di cottura: l’ideale è che rimangano ancora un po’ croccanti. Un altro suggerimento per assimilare ancora di più il  betacarotene consiste nel  condire le carote  con grassi buoni, come l’olio d’oliva extravergine e i semi oleosi. I grassi aumentano la  bio disponibilità  del betacarotene fino a triplicarne i livelli di assimilazione. Una volte cotte, evitate di lasciarle a temperatura ambiente perché si ossidano molto velocemente.

Crude possono anche essere usate come snack di metà giornata o come cibo antistress, croccante e un po’ dolce.  Sono utili anche per tenerci alla larga da grissini e formaggio durante la preparazione della cena.

Prendiamo esempio da Bugs Bunny, il coniglio che la sa lunga!