Il complotto dei Babbi Natale

Nessuno potrebbe credere alla notizia che appare sul quotidiano: “Babbo Natale non esiste!” ed invece non si scrivono più letterine e il Natale si annuncia molto molto triste. Solo un bambino non si arrende alla notizia e vive una vera avventura per riportare indietro i Babbi Natale e regalare il Natale che rende felici tutti: grandi e piccini.

Dopo avervi suggerito uno splendido libro per le mamme, ecco il mio consiglio per un bel libro per bambini sul Natale, un po’ diverso dal solito ma con diversi spunti di riflessione!

Cosa succede quando un giornalista in cerca di scoop ne inventa uno di sana pianta?
E’ venerdì e al Polo Nord si mangia pesce, il cuoco dei Babbi Natale che ha acquistato del pesce al mercato, mentre si accinge a cucinarlo nota sulla carta di giornale che avvolge l’aringa, un articolo che riguarda i suoi cari Babbi Natale. L’articolo dice: “Babbo Natale non esiste!“.
La notizia prende alla sprovvista i panciuti Babbi Natali che iniziano a pensare che non tutti i mali vengano per nuocere e decidono di partire per una bella vacanza rilassante nei Mari del Sud.

Il complotto dei Babbi Natale ci mostra come sarebbe triste il Natale se Babbo Natale non esistesse, non ci sarebbero le letterine scritte ed anche il lavoro negli uffici postali sarebbe poco divertente, ma la cosa più triste in assoluto sarebbe quella di non trovare i regali sotto l’albero la notte di Natale. Pensare che Babbo Natale non esista…che grande errore!

Per fortuna il piccolo Rupert risolverà la situazione, riportando tutto alla normalità. Mentre si trova all’ufficio postale, dove lavora il padre,  scova in un grande sacco di posta una cartolina dai Mari del Sud spedita dai Babbi Natali per gli altri colleghi.

Non è possibile che Babbo Natale non esista, Rupert ha appena trovato le prove; quindi parte per un viaggio dal quale non solo torna vittorioso, ma attraverso il quale vive l’esperienza più bella della sua vita, accompagnando il suo Babbo Natale a consegnare i regali.

Questo albo illustrato dalle immagini colorate e divertenti ci insegna che non bisogna rinunciare a quello che ci fa stare bene, come Rupert che a rinunciare al Natale proprio non ci sta. Se siamo mossi da buoni motivi e sentimenti saremo disposti a tutto pur di salvaguardare ciò a cui teniamo. Ci insegna ad avere coraggio e a non rinunciare ai nostri sogni.

Non ditemi che non sapevate che di Babbo Natale ce ne sono tanti, davvero pensavate che un solo uomo anziano e panciuto potesse consegnare i regali in tutto il mondo? Siete proprio degli ingenui…e ora tutti a scrivere la letterina di Natale, non vogliamo mica mandare Babbo Natale in vacanza?

 

Titolo del libro: Il complotto dei Babbi Natale

Autore e Illustratore: Ute Krause

Editore: Babalibri

Target: dai 4 anni

Ci piace perché: è un albo molto simpatico e perché siamo convinti dell’esistenza di Babbo Natale.

Lo consigliamo perché: è un inno al coraggio, alla sfida e alla resistenza per le cose che ci stanno a cuore e ci fanno stare bene.

La frase che ci ha colpito: In ogni regalo misero un biglietto con scritto: “Da dove arrivano i regali, se io non esisto? Cari saluti da Babbo Natale.”