Malawi Beach, la nuova spiaggia dello Zoom

Lo sapete che a pochi passi da Torino esiste una spiaggia Africana? Si chiama Malawi Beach e oltre ad essere una piscina favolosa è anche un nuovo Habitat del Bioparco Zoom.

malawi beach

Disclaimer: amo gli animali, tantissimo. Non mi piacciono gli Zoo. Quelli con le gabbie.

Lo Zoom invece lo adoro. Gli animali ospitati negli Habitat arrivano tutti da altre strutture e sarebbe impossibile reinserirli in natura. A meno che non suggeriate di sopprimerli allo Zoom trovano un habitat rispettoso della loro natura, un team di biologi, veterinari ed etologi, cibo, cura e riparo. Il loro Dna viene inserito in banche dati internazionali per salvare le specie a rischio di estinzione con riproduzioni mirate e finalizzate al reinserimento in natura. Insomma, lo Zoom è un’eccellenza italiana ed è una realtà unica nel suo genere nel nostro Paese. Evitate la solita polemica sugli Zoo per favore

Sabato 1 luglio una delegazione di Instamamme, con famiglie a seguito, è andata a scoprire questa nuovissima area “balneare” dello Zoom, che si aggiunge alla piscina Bolder Beach (quella del bagno coi pinguini, nel caso non la conosceste).

malawi beach
La piscina Malawi Beach ricostruisce una tipica spiaggia africana, con sabbia bianchissima e acqua cristallina, e davvero lo scenario è da favola. Non bastasse questo a offrirvi una giornata meravigliosa di relax estivo, in questa piscina la corrente vi trascina dolcemente vicino alla vasca degli ippopotami, dove potrete ammirare in tutto il loro fascino Lisa e Ze Maria. (Che per fortuna non sono due modelle ma due ippopotami, praticamente un’iniezione di autostima per la vostra prova costume).


Di fianco alla piscina esistono due vasche di pesci tropicali nelle quali è possibile fare l’esperienza di snorkeling con il biologo. Anche noi mamme ci siamo immerse con le maschere facciali e con i i bimbi da 6 anni conoscendo da vicino i simpatici pesciolini che tentavano di mangiarci i nei delle gambe. L’esperienza si può acquistare anche on line e costa 4 euro a persona.
Nell’altra piscina a brevissimo si potranno ammirare le affascinanti mante.
A distanza di qualche anno dalla mia prima visita, lo Zoom resta sempre una destinazione meravigliosa per i bambini che continuo a consigliare. Vale tutto il viaggio anche per chi arriva da fuori Piemonte.

Il bioparco di tipo immersivo (peculiarità dello Zoom, in cui non ci sono solo gli animali ma anche gli habitat ricostruiti) non stanca davvero mai, non solo i bambini, ma anche gli adulti.

I talk sono sempre istruttivi e interessanti, l’ambiente è sempre piacevole, il parco ben tenuto e curato, il personale cordiale.

Le aperture serali consentono di godere appieno della giornata, tra piscine e visite del parco, una domenica di ferie diventa un’intera vacanza (la definizione non è mia, ma di Leonardo che ha 4 anni, commentando la giornata allo Zoom)
Presto, prestissimo andrò anche a conoscere il parco di notte, un bel safari notturno ad un’ora da casa, cosa c’è di meglio? Per saperne di più leggete qui
Oppure seguite le Instamamme e vi porteremo con noi