Mistero e divertimento: un’avventura fantastica con Scooby-Doo!

Due giorni a Londra per aiutare Scooby-Doo a risolvere un mistero, e per capire che il divertimento unisce a prescindere dall’età!

Mio figlio è in quell’età in cui più che le somiglianze contano quanto ci si discosta dal modello offerto da mamma e papà. Qualsiasi genitore di un ottenne medio potrà confermare, immagino.
Quindi capirete quanto questa esperienza sia stata importante per me e Valerio: ha creato un ponte generazionale, creando emozioni comuni intorno ad un’avventura che ha avuto per protagonisti sia noi, sia personaggi che appartengono alla nostra (per quanto lontana circa trent’anni… argh!) infanzia.

In una mattina di qualche tempo fa, infatti, Scooby-Doo in persona ha richiesto il nostro aiuto per risolvere un mistero…

 

Potevamo non volare a Londra per unirci alla sua squadra di piccoli detective?
(cliccate sulla foto per vedere la nostra diretta!)

Scooby-Doo

E che squadra! Sei bambini che non si erano mai visti ma che hanno legato subito, sotto gli occhi orgogliosi di noi mamme! (del resto, da mamme blogger vuoi non nascano figli social? ^^)

Emozionati ed incuriositi, i nostri figli hanno subito ricevuto uno zainetto con tutto il necessario per risolvere il mistero e appreso lo scopo della loro missione: aiutare Scooby-Doo e i suoi inseparabili amici a ritrovare i loro oggetti iconici rubati da un ignoto cattivo!

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo

 

Così, dopo aver analizzato minuziosamente il loro kit da detective ed esserci rifocillati, siamo partiti alla volta dello splendido Severndroog Castle per cercare la bandana di Fred, la maglietta di Shaggy, il cerchietto di Dafne, gli occhiali di Velma e perfino il collare di Scooby-Doo (parecchio sfrontato, questo cattivo eh! Rubare addirittura il collare del cane detective più famoso del mondo!)

Scooby-Doo

 

Ad accoglierci c’era una splendida merenda che ha incuriosito i bambini e fatto venire gli occhi a cuoricino a noi mamme: cupcake, torte decorate (le ciliegie glitterate hanno conquistato le bimbe di ogni età… ehm!), snack, panini, bevande… tutto a tema ovviamente! (non vi stupirà sapere che prima di rendere onore alla tavola, l’abbiamo fotografata da ogni angolazione ^^)

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo

 

Ma l’avventura ci attendeva: il castello, infatti, era infestato da temibili fantasmi! I bimbi, dapprima scettici (“ma sì, mamma, ti pare ci siano i fantasmi? Saranno persone travestite…”), si sono talmente lasciati coinvolgere da vivere con assoluta serietà la ricerca, con tanto di paura, urla e fuggi fuggi (con noi che, tra una chiacchiera e l’altra, ce la ridevamo allegramente sotto i baffi, cercando di rimanere serie)!

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo

 

Dopo aver scandagliato anche il parco, è stato chiaro che si dovesse vincere la paura e cercare meglio nel castello. I nostri figli erano un po’ perplessi, poi l’idea geniale della nipotina della vecchia signora: per spaventare il fantasma… travestiamoci anche noi da fantasmi!
I bambini (buffissimi ma convintissimi, eh!) hanno preso la cosa decisamente sul serio, creandosi dei costumi con lenzuola, maschere, colori, catene… Così, al sicuro delle loro maschere, hanno cacciato il fantasma!

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo
Le sorprese, però, non erano ancora finite: ci aspettava infatti una meravigliosa cena in una delle sale del castello!
Apparecchiatura stupenda, quadri a tema, frutta fresca e un menù fantasioso e buonissimo (avete mai assaggiato il “draghetto alle erbe” o lo “zombie sfilacciato”? Ecco, non sapete cosa vi perdete! ^^) hanno stupito i bambini e incantato noi mamme… sembrava di essere in una vera puntata di Scooby-Doo!

 

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo
Così mentre i nostri figli discutevano di strategie per portare avanti la missione, noi mamme abbiamo chiacchierato, riso e scherzato… Qualcuna (cof cof) ha perfino indossato la corona (cosa fai, la lasci lì? Ma scherziamo, quando mi ricapita un’occasione del genere?!?)

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo

Dopo la cena e prima del dessert, però, restava da trovare il cattivo e la ricerca ci ha portato in cima alla torre del castello, da dove abbiamo visto il cattivo scappar via (sigh!) e Londra ci ha consolato con un magnifico tramonto (wow!).

Scooby-Doo

 

A consolare i nostri figli invece, che avevano visto il cattivo sfuggirgli praticamente da sotto il naso, uno strepitoso buffet di dolci e un bellissimo momento di silent disco (tutte! Le sapevano tutte!!!).

Scooby-Doo

Dopo aver ballato tutto il ballabile, i bambini si sono arresi all’evidenza: per affrontare al meglio il resto della missione bisognava concedersi qualche ora di sonno, perciò di buon grado ci hanno permesso di riportarli in hotel ^^.
(Valerio, per la cronaca, si è addormentato a quattro di bastoni e non si è mosso fino alle 9 della mattina dopo, nonostante la potente luce mattutina londinese avesse invaso la nostra stanza da un bel po’ 😉)

La giornata successiva è iniziata all’insegna di una ricchissima colazione, che ha visto me e Chiara  constatare che i nostri figli non avevano in comune solo la passione per le imprese da detective, quanto anche una spiccata predilezione per il cibo salato (non elenco ciò che Valerio è riuscito a ingurgitare solo per decenza).

Rifocillati (decisamente), eccoci pronti a riprendere la missione!
La mappa, ritrovata dai bambini la sera prima, ci annunciava che la nostra avventura ci avrebbe portato su un fiume… riuscite ad immaginare quale, vero?

Scooby-Doo
Ad attenderci, stavolta, un galeone storico e un simpaticissimo pirata che ci ha coinvolti in missioni impegnative (“ma davvero dobbiamo tirar su l’ancora?”) e divertenti giochi a tema.
I bambini, ovviamente, si sono prestati a tutto (promemoria per me: la prossima volta che mi serve un aiuto in casa, organizzo una caccia al tesoro) e alla fine hanno ritrovato non solo il tesoro ma anche l’ultimo degli oggetti rubati: il collare di Scooby-Doo!!!

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo

 

Scooby-Doo

Un tassello in più nel nostro rapporto madre-figlio, un’occasione unica per vedere il mondo con gli occhi inzuppati di meraviglia e dello stupore per le piccole cose tipico dei bambini, un’avventura emozionante e coinvolgente, che ci ha resi complici e ci ha fatto condividere emozioni: ecco ciò che questo splendido weekend ha significato per me e Valerio!
Abbiamo riportato a casa sorrisi e voglia di giocare insieme e non escludo di organizzare prossimamente una caccia al tesoro, magari con l’aiuto dello stesso Valerio (del resto il kit è ancora gelosamente custodito, magari prendo qualche spunto… sono certa che i miei figli e i loro amici apprezzeranno tantissimo! ^^).

Scooby-Doo
Se volete entrare nell’atmosfera che ci ha accompagnato in questo splendido weekend, siete ancora in tempo per guardarvi oggi l’episodio finale della nuova serie Be cool Scooby-Doo su Boomerang (canale 609-610 di Sky): nuove avventure e un nuovo design per i nostri amici, ma con l’inconfondibile e magico stile che ci ha fatto amare i nostri beniamini in tutti questi anni! Se poi come noi amate i giochi online, nel sito di Boomerang tv ne troverete di bellissimi con i nostri amici come protagonisti ;).

Infine, se volete cimentarvi anche voi, come me, in una caccia al tesoro Scooby-Doo style con i vostri figli (non vi pare un’ottima idea per una strepitosa festa di compleanno?) o volete vivere più dal vivo la nostra avventura, guardate le nostre dirette ed entrate nel vivo della nostra stupenda esperienza!