Ode al Villaggio Vacanze

Disclaimer: ad ognuno la sua vacanza, qui vi parlo di cosa scelgo per me, senza giudicare le vostre scelte perché le vacanze sono tutte belle. Davvero.

Già vi vedo, radical snob della vacanza improvvisata ad inorridire davanti alle  parole “villaggio vacanze”

So che vi sentite già male all’idea del cocktail di benvenuto, al torneo di Beach volley e alla lezione forzata di acqua gym, tripudio di musica tamarra e tempio dei sensi di colpa dei tre bomboloni ingurgitati a colazione.

Lo so come vi sentite, perché ero esattamente come voi.

Una volta partivo solo con la Routard in borsa e più ero lontana dalle orde di turisti e più mi sentivo in vacanza. Ho in curriculum una stanza con un chiwawa imbalsamato a Granada, un Ostello per ragazze madri a New York, un hotel per intellettuali tedeschi (definizione del proprietario che probabilmente implicava la doccia sul water e gli scarafaggi nel letto – ma che spiaggia c’era, lì nascosta dal canneto) in qualche posto sull’Egeo, per elencare le prime esperienze che mi vengono in mente. (uhhh se apro questi dossier, che nostalgia)

 

Ma le cose cambiano per tutti e non vi renderete conto di quanto finché non diventate genitori.

E se c’è un momento dell’anno in cui i nodi dei cambiamenti vengono al pettine è esattamente quello della vacanza, in cui sotto sotto vi è rimasta un’aspettativa segreta di riposo, relax e nuove esperienze, aspettativa  che ovviamente verrà puntualmente delusa e tornerete a casa più stanche di prima (anche se sembra impossibile)

 

La vacanza all’avventura coi bambini è un atto di masochismo allo stato puro, pare che ci riescano i Nord Europei ma probabilmente è una leggenda metropolitana, dai viaggi in auto ai giri a piedi, rimpiangerete amaramente il divano di casa vostra.

Anche prendere l’appartamento nella località di vacanza si rivela un clamoroso autogol che vi costringerà a fare la vita di sempre (cucinare, pulire, lavare) magari senza i vostri utilissimi elettrodomestici e con in più la stanchezza della routine vacanziera spiaggia/doccia/pranzo/nanna (forse)/spiaggia/doccia/cena/gelato/giostrine/coma.

L’Hotel solitamente offre molte comodità ma la stanza e gli spazi comuni sono ovviamente di dimensioni limitate e doverci stare rinchiusi con uno o più bambini (e relativi giochi) può rivelarsi una tortura proibita anche dalla convenzione di Ginevra.

 

Ed ecco che come una luce nella notte arriva il tanto millantato villaggio vacanze a soccorrere noi poveri genitori con l’ansia da vacanza.

 

Le stanze sono solitamente di grandi dimensioni, spesso sono dei mini appartamenti, con tanto di piccolo giardino o balcone.

Gli spazi comuni numerosi e adatti alla vita familiare.

I pasti sono serviti (e questo è davvero riposante) e ormai quasi tutti si sono adeguati con la formula All Inclusive (che vuol dire non preoccuparvi più del portafoglio e dei mille “voglio l’acqua, il succo, il gelato” che scandiscono le giornate al mare).

Se siete fortunati (io ovviamente non lo sono) i vostri figli potranno andare alcune ore al Mini Club e lasciarvi fiato quelle due ore in spiaggia. In più siete in una struttura protetta, in un’oasi delimitata, quindi potete lasciarli una discreta libertà in tutta serenità. Quando vi sarete ambientati, sarà come vivere in un piccolo paese.

I miei bimbi si sono fatti gli amichetti e un giorno ci siamo ritrovati a pranzo da soli io e mio marito, i bambini si erano messi in un tavolo a parte con gli amici. Da piangere (di gioia), insomma.

E se, come noi, volete girare e conoscere potete scoprire il territorio circostante e  avere un’ottima base in cui ritornare. Noi un giorno stiamo al mare e un giorno giriamo, in fondo sono vacanze anche per i bimbi e trascinarceli dietro per chiese e centri storici di cui giustamente gliene importa poco va fatto con moderazione adattandoci ai loro tempi .

Per i prossimi anni non ho dubbi su quale formula vacanza sceglierò e ho già adocchiato un villaggio comodo per visitare le Meteore Greche (ma pure la Silcilia mi tenta)

Intanto il mese prossimo mi aspetta una settimana al Villaggio DeAngelis nel meraviglioso Conero, che esplorerò con il Magic Team Instamamme (purtroppo non al completo ma quasi)

Seguiteci, se ne vedranno delle belle J

villaggio vacanze