Con un poco di zenzero…gusto e salute in più! 

Questo mese con la nostra nutrizionista scopriamo tutte le proprietà dello zenzero e i consigli per usarlo correttamente in cucina.

Per il mese di Giugno abbiamo scelto lo zenzero, una spezia originaria dell’India e della Malesia, nota per le sue proprietà curative e per l’inconfondibile sapore piccantino e vagamente acidulo.

Lo zenzero (Zinziber officinale), conosciuto anche con il termine inglese di ginger è una pianta erbacea perenne, alta circa 90cm e appartenente alla famiglia delle Zingiberacee. La pianta presenta un fusto sotterraneo, formato da un rizoma ramificato da cui nascono i fusti vegetativi.

Cresce bene nei luoghi tropicali, con temperature e umidità elevate, ma è possibile coltivarla anche da noi, sia in terra piena, sia in vasi piuttosto larghi poiché il rizoma cresce in larghezza. La parte medicinale dello zenzero è proprio quest’ultima, ricca di olio essenziale, gingerina, zingerone, resine e mucillagini.

Tonico, stimolante, digestivo, antinfiammatorio, sono molteplici le proprietà che gli vengono attribuite e che numerosi studi confermano.

proprietà dello zenzero

Proprietà dello zenzero

È antiinfiammatorio e antisettico ed è utile per curare in modo naturale tutte le infiammazioni. Infatti, in Asia è da sempre utilizzato come medicamento per contrastare febbre e raffreddore poiché stimola le difese immunitarie.

Queste proprietà, in aggiunta ad un elevato potere antiossidante, fanno dello zenzero un ottimo alleato per la prevenzione di cancro e malattie neurodegenerative come l’Alzhimer.

Lo zenzero è molto usato come digestivo, gastroprotettore e anti nausea. Infatti, stimola la produzione di succhi gastrici e riduce la formazione di gas; i suoi principi attivi sono molto efficaci contro l’Helicobacter pylori, il batterio responsabile delle ulcere gastriche.

È molto utile in caso di nausea gravidica mal d’auto e mal di mare. Un pezzetto di radice fresca da masticare o un infuso prearato con 5 grammi di radice di zenzero in 1/2 litro d’acqua aiutano a contrastare il fastidio. Anche se l’uso della radice di zenzero nel primo trimestre di gravidanza sembrerebbe ridurre la nausea, senza effetti collaterali, come evidenziato anche in uno studio di metanalisi del 2014 è sempre importante consultare il ginecologo o il medico di fiducia.

Alcuni principi attivi del rizoma, sembrano migliorare parametri metabolici come la resistenza insulinica, il colesterolo e i trigliceridi nel sangue che sono spesso alterati nella sindrome metabolica. Un recentissimo studio del 2017 parrebbe confermare queste ipotesi  e aprire nuove possibilità di trattamento.

Lo zenzero contiene acqua, carboidrati, proteine, amminoacidi, sali minerali tra cui manganese, calcio, fosforo, sodio, potassio, magnesio, ferro e zinco, vitamine del gruppo B, vitamina E ed olio essenziale. È sicuramente un ingrediente prezioso che è importante acquistare e conservare bene.

Evitare di acquistare rizomi, umidi o ammuffiti.  Conservarli in frigorifero avvolti nella carta da cucina e poi in un sacchetto di carta. In freezer durano di più, ma l’ideale è consumarli velocemente per apprezzarne al meglio sia le proprietà benefiche che il sapore.

In commercio si trova in forma di  radice fresca o essiccata, ridotta  in polvere  o in forma di  estratto.

proprietà dello zenzero

Impariamo ad usarlo in cucina per dare un tocco particolare ai piatti. Di solito quando pensiamo allo zenzero ci vengono in mente i biscotti di Natale ma in realtà si può utilizzare nei modi più svariati, dalle tisane (famosa quella di zenzero e limone) agli estratti, dai primi piatti ai secondi, per non parlare dei dolci.  Stupiamo amici e familiari con un tocco di gusto e salute. Con l’aiuto delle nostre bloggers anche lo zenzero non avrà più segreti.

 

NOTA: si consiglia sempre di consultare il medico prima di fare uso di zenzero nel caso in cui si assumono farmaci antiaggreganti e anticoagulanti (Coumadin, Cardioaspirina, ecc…) perché può aumentare il loro effetto.