Quando il design si fa utile: mestoli e palette

Dopo aver già affrontato l’argomento qui e qui, oggi torniamo a parlare di attrezzi da cucina.
Questo nostro appuntamento mensile sarà infatti dedicato ai principi della cucina: mestoli e palette.

Del perché siano fondamentali in cucina mi sembra superfluo parlare: chiunque voglia cucinare o preparare qualsiasi cosa in cucina, dall’uovo al tegamino al pesce al forno, ha necessariamente bisogno di almeno uno di loro per girare, prendere, mescolare.

Vediamo cosa dovrebbe contenere un set base:

– il mestolo. Per servire i liquidi e semiliquidi di ogni tipo. La prima cosa che vi viene in mente quando pensate al mestolo è la minestra, ma in realtà vi sarà fondamentale per travasare marmellate, mettere il budino nello stampo, servire la crema pasticcera. Un sacco di usi, alcuni meno immediati di altri, che lo rendono il re assoluto della vostra dotazione

– la paletta con base piatta. È quella con cui prendete le cose delicate dalle padelle.
Provateci, a servire decentemente delle uova o dei saltimbocca, senza il suo aiuto!
La si trova in due versioni: forata (in genere a strisce longitudinali) o compatta, a voi decidere quale vi sarà più utile!

set mestoli Latina - Guzzini

Rimanda alla trasparenza, il set di mestoli Latina, di Fratelli Guzzini, disponbilile in diversi colori

 

– il cucchiaio grande. Col manico leggermente inclinato, rispetto al fratello piccolo, è quello che ci permette di dosare e raccogliere salse dalle pentole. Non sembra, ma in alcuni casi è fondamentale e può essere di ausilio anche per servire le cose in tavola.

– la schiumarola. Originariamente destinata al “togliere la schiuma”, nel tempo è diventata di uso assai più comune, per prendere qualcosa da una pentola senza prendere il liquido in cui si sta cuocendo. Fondamentale in caso di bolliti, per esempio. Ce ne sono di molti tipi e destinate a molti scopi, in questo caso parliamo del livello base.

wood carousel - joseph joseph

Disponibile anche nella versione in legno, il set di mestoli Carousel di Joseph and Joseph

– il forchettone. In genere ha solo due rebbi (le punte) ed è assolutamente indispensabile per tenere fermo un grande pezzo di carne da tagliare in fette. Questo perché ovviamente penetra più in profondità di una normale forchetta!

– la pinza. Ve ne avevo già parlato qui  .
Serve a girare gli alimenti con precisione. Va scelta di qualità e “comoda” per la vostra mano.

Sparrow server set

Con la sua forma particolare, Lo Sparrow server set di Qualy  si presta ad essere un regalo per sé o per gli amici

A questi assoluti must-have (sfido chiunque a non averli nella sua cucina!) ne vanno aggiunti almeno altri tre:

– la frusta a mano. Basilare per sbattere bene le uova e gli impasti liquidi ma anche, sui fornelli, per creme, sughi e intingoli. È importantissimo valutare la lunghezza del manico, altrimenti è facile che si infiammi qualche parte della mano o del braccio, in caso di uso prolungato.

frustini-by-kuhn-rikon
Colorati e con forme strane, i frustini di Kuhn-Rikon

– la spatola. È utile per pietanze basse e larghe, tipo crepes, frittate, pizzette e per staccare il cibo dalle placche del forno o dalle teglie. Ce ne sono di diversi tipi, in base all’inclinazione della spatola stessa rispetto al manico. Quelle meno inclinate servono per gli scopi di cui sopra, le altre possono essere utili anche per livellare i composti dentro le teglie.

– il prendi-spaghetti (avrà un nome più serio? mai saputo!). Per capirci: è quell’attrezzo che è cavo, un po’ come un mestolo, ha la forma di un cucchiaio e ha delle “punte” che permettono di prendere, e tenere soprattutto, la pasta lunga (ma anche la verdura in foglia!).

 

Nati con semplici scopi pratici, oggi gli attrezzi di cucina sono anche una forma di “arredamento” dell’ambiente cucina, grazie alle forme particolari, ai colori e ai materiali. È oggi inoltre possibile trovare tutti questi attrezzi (tranne, per ovvi motivi, il forchettone) in diversi materiali, dal legno all’acciaio, alla plastica termoresistente a seconda non solo del design ma anche del tipo di pentole che usate (antiaderenti oppure no).
Insomma, ce n’è davvero per tutti i gusti!!!