Scommettiamo la domenica

Ci sono domeniche che partono male.
I bambini litigano, i genitori si innervosiscono, la tensione aumenta in maniera esponenziale, contagia tutti, anche il gatto.
Guardi l’ora e sono le otto.
L’idea delle 13 ore che ti separano dalla Buonanotte ti atterrisce, ti fa sudare freddo.
La casa è un disastro, il frigo è il deserto dei Tartari ma l’idea di andare al centro commerciale è più insopportabile di una passeggiata sui chiodi, i bambini intanto piangono a turno, fanno pace e distruggono qualcosa o trovano il modo di rischiare la vita e poi rilitigano e ripiangono, questo senza soluzione di continuità.
E allora bisogna fare qualcosa.
Quella è la TUA domenica, la hai aspettata tanto, tu e tuo marito avete voglia in qualche angolo della vostra testa di stare con quei due piccoletti a cui ora in realtà mettereste la camicia di forza.
Bisogna reagire.
E Allora facciamo una follia.
Andiamo al mare.

Facciamo tacere i MA, che sono tanti e tutti ragionevoli.
Scommettiamo che andrà bene.
Scommettiamo che sarà bello.

 

Mettiamo gli asciugamani e 2,3,4 cambi in auto. Facciamo 5.
Ci prepariamo allegri e incoscienti, tirando fuori le Tshirt e gli occhiali da sole.
Partiamo, noi 4.
Il viaggio è un carico di gioia.
L’arrivo una festa: il primo saluto al mare della stagione.
Qui è già estate!
Il rumore delle onde, i piedi nudi sulla spiaggia, i sassi caldi, l’odore di pesce, il gelato, le giostre, il sole sulla pelle, la musica lontana, i motorini, le risate.

Non è stato tutto perfetto, ovviamente.
Ma la scommessa è stata vinta perché è stato bello e la domenica è celebrata degnamente.
Abbiamo riempito con qualcosa di nuovo la scatola dei ricordi e questa per me è santificare le feste.

CSC_0087

scommettiamo la domenica

scommettiamo la domenica

IMG_4810

scommettiamo la domenica

IMG_4775