toc tOc, è permesso?

Sulla piantina di progettazione è unO dei primi elementi che si disegnanO, eppure dedicarsi alla porta è spesso l’argomento che si affronta con meno attenzione al momento di una nuova casa.

In effetti sembrerebbe meno importante, ma non è così.

I passaggi, dove e come saranno, costituiscono l’essenza delle belle case (insieme alle finestre e ai rivestimenti) e si dovrebbero prendere in considerazione ancora prima del divano o della cucina.

7 512 copia

Separare o condividere? Siamo tipi da porta? E se si quale scegliere?

Per capirlo basta partire dal modO che intendiamo abitare i nostri spazi.

Sono entrambi scelte progettualmente interessanti, da una parte eliminare qualche entrata potrebbe servire ad allargare gli spazi, dall’altra creare e aumentare ambienti autonomi a disposizione.

La prima è una scelta ottimale, per chi preferisce un vivere in condivisione, dove spesso sono cucina e soggiorno ad interferire a diventare un tutt’uno (come pure bagno e camera ) e per chi preferisce allargare progettazioni mignon che davvero risultano soffocanti.

La seconda,  rimane più adatta a coloro che necessitano di spazi specifici per lavorare, cercare un po’ di tranquillità, ricevere qualcuno, in tutta privacy e senza disturbare gli altri coinquilini.

La scelta ideale, sarebbe quella di mettere porte dove possibile, creando spazi diversi, ma che si possano aprire al bisogno per momenti condivisi.

1 benvenuti a casa mia2 copia

6 320 copia

Rimane poi la scelta se acquistarle, ristrutturarle, dipingerle o trasformarle.

Davvero di soluzioni in commercio ce ne sono per tutti i gusti.

  • Porte senza battenti, filo muro e axtralarge.
  • A libro, occupano e si incastrano in piccoli spazi.
  • Antiche, ristrutturate, da cascina e da casetta di una volta, a vetri smerigliati, da completare con tendaggi in cotone.
  • Stile impero, meravigliose!
  • Specchiate, offuscate, eleganti e moderne.
  • Scorrevoli, davvero pratiche, moderne e salva spazio.
  • Orientali, originali o ispirate ai tradizionali divisori giapponesi rispondono ad esigenze dell’abitare contemporaneo e possono essere prodotte su misura, lo scorrimento avviene su binari montati a soffitto, oppure a pavimento per ante di grandi dimensioni.  Il rivestimento può essere realizzato con  materiali diversi (tessuti di cotone trattato  antimacchia , carta di riso, policarbonato, plexiglas).
  • Porte dipinte, colorate, laccate, materiche, sono creative e originali come vere opere d’arte e rendono lo spazio contemporaneo.
  • Decorate, incise o pantografate (su uno spesso strato di mdf oppure sabbiate su vetro)
  • Sfoderabili, con federe e texture originali, per un ambiente personalizzato.

27 volumi e geometrie copia1 benvenuti a casa mia3 copia

 

Ovviamente non dimenticatevi della prima pOrta quella del permesso…(non mai capito la porta blindata, se poi non sono blindate pure le finestre…mah …), il vostro ingresso parla di vOi, della vostra casa e di come sono benvenuti i vostri Ospiti.

1 benvenuti a casa mia copia

Non dimenticate di mettere qualcosa di speciale fuori dall’uscio, un quadretto, una terracotta, una maiolica, mi chiedo sempre chi di cOsì particolare abiti quella casa che appende fuori qualcosa (ecco allora il mio cadeu di matrimonio ad accogliere i miei ospiti), ma lo si può fare anche con un Santo, un Angelo protettore, uno scacciapensieri..una poesia…rendono il passaggio un po’ magico, anche una piantina o un cactus, sono davvero originali e  più ospitali di un welcome stampato sullo zerbino. Zerbini colorati,  piccoli o eleganti quelli sono necessari e cercarli carini è un ottima scelta.

10 rosso lacca copia8 sabbia e vetro copia

26 etralarge copia28 cinius copia

9 rosso copia12 bertolotto  14 rototraslante copia  24 porta arebsi 5 copia

13 porte orientali copia

 

Anche secondo l’arte della progettazione Feng Shui, che considera armonia e psiche per un buon ambiente domestico,  questi elementi per la loro valenza energetica, dovrebbero avere una precisa collocazione in cui l’energia del Ch’i (la linfa vitale) e la buona fortuna,  entrata dalla porta d’ingressO,  non dovrebbe fluire troppo velocemente e trovare ostacoli.  Per farlo bisognerebbe non avere più di tre porte allineate evitando l’effetto imbuto e sistemarle al centro della parete  disponendo  l’apertura verso l’interno della stanza.

18 vetro in camera copia

 

21 porta elegante2 copia

20 porta elegante copia 20 porta elegante nuovo colore copia  22 porta arebsi 3 copia 23 porta arebsi 4 copia

17 classica copia15 vetro e trasparenze copia

16 libro copia

Ogni entrata conserva un ambiente e incornicia quello fuOri. Rendiamo ancora più speciali questi accessi.

Come hanno fatto alle 63 porte delle stanze dell’Alexander museum Palas Hotel di Pesaro, ognuna realizzata da un artista diverso e coordinate alla stanza che aprOno.

Racchiudono la magia e la curiosità di scoprire cosa custodiscono. Uno spettacolo fuori e una vera sorpresa all’interno.

È vOi che porta aprite?

2 220 copia4 604 copia

3 108 copia5 210 copia

 verOnicaelatempesta