Viaggiare è il mio peccato

A volte se si è fortunate, ma anche molto intraprendenti, la vita può riservarci inaspettate meraviglie dopo i fatidici 40 anni.

Agatha Christie
Giovane Agatha

Oggi vi parlo di una delle scrittrici più famose di sempre, svelando una parte della sua esistenza che non tutti conoscono.
Agatha Christie, la famosa giallista inglese mamma di Hercule Poirot e Miss Marple, ha avuto sicuramente una vita ricca di emozioni, alcune di queste non sempre positive. Il tradimento del suo primo marito e la morte della madre furono due eventi concomitanti che la segnarono profondamente. Proprio in quel periodo la Christie scomparse dalla circolazione per un po’. La sua sparizione ha sempre destato molto interesse lasciando spazio alle speculazioni più fantasiose, dalla premeditazione di un omicidio alla trovata pubblicitaria. Ma perché non pensare ad un semplice momento per ricostruire i frammenti della sua vita andati in pezzi? In fondo per quanto geniale questa scrittrice era pur sempre una donna, con le sue fragilità ed insicurezze. Una donna che, come tante altre, ha dovuto trovare nuova forza dentro se stessa per tornare a vivere. E forse solo grazie a questo isolamento forzato dal mondo è riuscita con maggiore lucidità a capire la strada che doveva intraprendere.

A questo proposito apro una piccola parentesi. Mi pare che spesso si tenda a classificare gli scrittori come persone fuori dal comune o comunque esseri umani sopra le righe. Io credo che spesso ci troviamo di fronte a individui normalissimi, con emozioni e sensibilità non dissimili dal resto del genere umano. La loro capacità di scrivere non li rende certo diversi da tutti noi. Io spesso provo ad immaginarmeli alle prese con la quotidianità. Ad esempio di sovente  penso a un Don DeLillo al supermercato in crisi con la scelta della carta igienica più soffice, oppure immagino un Umberto Eco alle prese con i capricci del nipote (anche se l’immagine di lui che fa la cacca nel prato leggendo un fumetto è indelebile nella mia mente – La misteriosa fiamma della regina Loana).

Max Mallowan Agatha Christie
Max Mallowan e Agatha Christie

Comunque, divagazioni a parte, tornando alla Christie la sua vita inizia a farsi interessante intorno ai 40 anni.

Dopo la fine del suo matrimonio decide di partire per un viaggio a Baghdad dove incontrerà il suo futuro secondo marito, l’archeologo britannico Max Mallowan. La differenza di età, 14 anni più giovane di lei, la elegge a mio avviso Coguar ad Honorem.

Nel bellissimo libro Viaggiare è il mio peccato, ci racconterà con una splendida ironia inglese come ha vissuto la sua seconda vita da moglie di un archeologo.
Impossibile non rimanere affascinati dalla sua esperienza, dallo stile di vita avventuroso e un po’ folle di questa magnifica donna. Le atmosfere riportate in alcuni dei suoi più famosi romanzi prendono consistenza in questo diario ( Assassinio sull’Orient Express, Assassinio sul Nilo o ancora meglio Non c’è più scampo).

Una vita che ho sempre sognato, io che sono cresciuta a pane e archeologia e romantico colonialismo inglese non ho potuto che amare questo libro che tra tutte le sue opere rimane per me la migliore. Una donna straordinariamente moderna in tutti i campi della sua esistenza, un esempio di libertà e determinazione oltre che di superba intelligenza.

E poi grazie a lei sono entrata nel fantastico mondo della panna ghiacciata da bere con la cannuccia!

Viaggiare è il mio peccato

Christie Agatha

Prezzo di copertina € 9,50

2002, 256 p.

Editore Mondadori (collana Oscar scrittori moderni)

 

Per chi volesse approfondire la sua conoscenza consiglio:

 

La mia vita

Christie Agatha

Prezzo di copertina € 11,00

2003, 560 p.

Editore Mondadori (collana Oscar scrittori moderni)