Il dolore muscolo-scheletrico: insegniamo ai bambini a prevenirlo

#AD #GSKCONSUMERHEALTHCARE

Ho sofferto solo una volta in vita mia di mal di schiena: una banale caduta dalla tavola da Snowboard da ferma, il fondo era ghiacciato e ho preso una gran botta sul coccige. Ne ho pagato le conseguenze per mesi. Un dolore fortissimo in zona lombare non mi permetteva di stare sdraiata né seduta, non riuscivo a tenere la schiena dritta né a portare pesi, dormivo poco e male, non riuscivo nemmeno a guidare, il dolore assorbiva tutti i miei pensieri, limitandomi in progetti e attività. Per fortuna non ero ancora mamma, non so sennò come avrei potuto affrontare con quel dolore la quotidianità che ho oggi.

Una convalescenza così, che allora durò un paio di lunghissimi mesi, sarebbe stata una tragedia non solo per me ma per tutta la famiglia.

Secondo i dati emersi dall’indagine Global Pain Index promossa da GSK Consumer Healthcare proprio il mal di schiena è la forma di dolore muscolo scheletrico che più affligge gli italiani (ben il 33%), non solo in forma acuta come è successo a me ma anche in forma cronica. Ma secondo la stessa ricerca ben il 97% degli italiani ha ammesso di soffrire in qualche misura di una forma di dolore muscolo-scheletrico e ben il 58% con cadenza almeno settimanale.

In pratica tutti quindi abbiamo avuto a che fare con qualche forma di dolore muscolo-scheletrico nel tempo. Il dato incredibile è che ben quattro italiani su dieci soffrono in silenzio (e sono pronta a scommettere che sono tutte mamme!) come se il dolore non avesse una dignità e andasse sopportato in silenzio. In realtà questo è un comportamento sbagliato, perché il dolore è sempre un campanello d’allarme che non va ignorato e un intervento tempestivo può alleviare una situazione che se ignorata può ulteriormente degenerare. Per questo è importante rivolgersi sempre al medico o al farmacista. Il dolore muscolo-scheletrico comunque si può e si deve innanzitutto prevenire, e non è mai troppo presto per iniziare.

In quanto genitori abbiamo il duplice compito di adottare uno stile di vita che ci preservi il più possibile dalla malattia e dal dolore e che trasmetta ai nostri figli delle corrette abitudini che riducano il rischio di sviluppare in futuro dolore muscolo-scheletrico.

Alla base c’è sempre l’alimentazione:

un corretto apporto di nutrienti permette ai nostri figli di mantenere il peso corporeo giusto (il sovrappeso è tra i principali fattori di rischio per il dolore muscolo scheletrico) e di mantenere ossa, muscoli e articolazioni sani. I miei figli sanno che molti alimenti vanno consumati con moderazione, altri raramente invece tutti i giorni vanno consumati frutta e verdura. Col più grande è più facile, col piccolo un po’ una guerra quotidiana ma conto di vincerla io, ho dalla mia parte il tempo e la determinazione.

Il secondo pilastro della prevenzione è il movimento fisico,

che deve diventare parte integrante della nostra quotidianità. Io da mamma cerco innanzitutto di dare il buon esempio: la domenica si va a fare sempre una bella passeggiata tutti insieme, gli ascensori sono vietati, facciamo sempre le scale, cerco di trasmettere loro la mia passione per l’attività fisica e il movimento. Loro inoltre sanno che devono scegliersi uno sport, quest’anno proveremo a fare nuoto tutti e quattro insieme, se diventa un’esperienza di famiglia è ancora più bella.

Un’altra abitudine importante sulla quale sono molto rigida, anche dal punto di vista della prevenzione del dolore muscolo-scheletrico, è quella del giusto tempo del riposo:

è importante anche un buon riposo notturno, per far riposare e recuperare, oltre al cervello, anche i muscoli.Quindi si va a dormire sempre presto la sera, visto che la mattina la sveglia suona presto. Anche se i bimbi protestano sanno che non si transige e si va a nanna. Anche perché loro non andrebbero mai a dormire, ma come mettono la testa sul cuscino si addormentano come sassi, il che vuol dire che hanno davvero bisogno di un sonno ristoratore.

Con queste tre semplici regole si possono davvero gettare le basi per un futuro in salute per loro e per un presente in salute per noi. Quando le regole diventano stile di vita per tutta la famiglia, il gioco è fatto.

Questo post partecipa alla campagna “Fermi mai! Via libera al movimento” promossa da GSK Consumer Healthcare che da settembre arriverà in molte farmacie italiane con materiale informativo.

Inoltre, sul sito web www.vialiberaalmovimento.it potrete trovare tutorial, informazioni e consigli sul dolore muscoloscheletrico e la sua prevenzione

 

Post in collaborazione con GSK Consumer

NETIQUETTE: questo post aderisce alla social media policy della campagna di informazione “Fermi mai! Via libera al movimento”, promossa da GSK Consumer Healthcare. Tutti i dettagli a questo link: https://www.vialiberaalmovimento.it/legal/social-policy.html . Commentando la accetti e ti impegni a rispettarla.

#ad #gskconsumerhealthcare

Condividi su: Facebook Whatsapp Twitter