Nelle società animali il ruolo paterno non è ben definito in tutti gli individui.Infatti quando si deve parlare di istinto paterno è difficile trovare degli animali che vadano al di là della procreazione per portare avanti la specie. Alcuni però costruiscono bellissimi nidi,altri non mangiano per settimane;altri ancora affrontano battaglie pur di difendere i loro figlioletti da terribili predatori.E il tutto per amore della prole!!!Difficile capire quale sia il papà più bravo!

 

Certamente i papà più premurosi sono i pennuti!I padri si occupano alternandosi con la madre,della costruzione del nido,ad accudire e imbeccare la prole.

L’esempio più eroico è quello del pinguino imperatore.La femmina lascia il suo unico uovo appena deposto al maschio che rimane a covare per 65 giorni.I papà non si nutrono e tengono l’uovo al caldo in una sorta di tasca simile ad un utero fino alla schiusa,proteggendolo al meglio.

image

Tra i pesci è il cavalluccio marino a rimanere “incinto”.Il suo ruolo di padre è fondamentale.È lui ad occuparsi delle uova ,le raccoglie in una borsa sul ventre e qui le uova rimangono per ben due mesi durante i quali vengono nutrite dal padre attraverso le parti interne della borsa,fino alla schiusa.

E i mammiferi? pochi partecipano alle cure parentali;infatti il maschio una volta dopo l’accoppiamento, lascia la madre e i piccoli al loro destino.

Il lupo è un padre, a differenza del cane, molto protettivo che vivrà per tutta la vita nel branco.Non lascerà mai la sua tana, farà la guardia, andrà a caccia pur di condividere il cibo con la nuova famiglia.

È bello così scoprire che essere padri è qualcosa di grandioso non solo per gli esseri umani ma anche per gli animali. E la dolcezza che accompagna la nascita dei figli è un’esperienza che è in grado di cambiare qualsiasi essere.

image