La quarta intervista in collaborazione con Doimo Cityline: @fabycala

Si conclude il nostro gioco in collaborazione con Doimo Cityline, abbiamo conosciuto le famiglie dei piccoli sognatori selezionati, l’ultima é @fabycala.

Si è concluso su instagram il gioco in collaborazione con Doimo Cityline  ci siamo divertite a vedere cosa sognano i vostri bambini e abbiamo conosciuto meglio le quattro vincitrici: @denisemunda@mammainconverse@maranagyfoto E ora conosciamo meglio @fabycala : 

1) Presentaci la tua famiglia

Sono Fabiola, ho 36 anni e sono mamma di Gabriele 7 anni e Andrea quasi 3. Sono separata da quasi 2 anni e vivo in Veneto da 12 anni ma sono bolognese.

Doimo Cityline instamamme

 

2) La vostra casa in cosa rispecchia i vostri sogni?

Casa mia al momento rispecchia ancora una vita che in parte mi appartiene e in parte non più, ci sono i mobili che avevo scelto con il mio ex marito e nonostante fossi quasi sempre io a prendere ogni tipo di decisione, sento che purtroppo non mi rispecchia del tutto casa mia. A breve dovrò trasferirmi e spero di dare una luce nuova a casa mia, sentendola DAVVERO mia. Nei colori, nelle forme. Amo lo stile lineare e semplice con colori pieni (principalmente nero) e accenti di colore che diano luce e personalità).

3) Com’è adesso la cameretta dei tuoi figli? Come evolveresti lo spazio per seguire al meglio la loro crescita? Cosa ritieni che non debba assolutamente mancare?

Le camerette dei miei bimbi sono arredate con le “vecchie” camerette di mamma e papà quindi direi che sono state riadattate. Sono molto pratica e pragmatica quindi prediligo un arredo che si possa adattare all’età del bambino semplicemente cambiandone i dettagli e i colori dei tessuti e delle pareti.

Per le camere dei bimbi ho deciso di dare colore ad una parete principale con un colore che tornasse anche nei colori di alcuni particolari come il paralume e il tappeto, per dare una sorta di continuità stilistica. Sempre in nome del mio gusto molto lineare e poco sfarzoso (almeno finchè sono piccoli e posso decidere io).

Le pareti hanno motivi geometrici le cui aree sono colorate lasciando solo il bordo bianco, una soluzione che probabilmente replicherò anche nella futura casa.

Mi ispiro allo stile scandinavo per gli accenti di colore e la pulizia e la linearità.

4)Cosa rappresenta Instagram per te? Cerchi e trovi ispirazione per la tua casa?

Instagram per me è un fantastico passatempo e strumento di lavoro perché oltre al grafico faccio anche network marketing.
Spesso scorro le foto e trovo che ci siamo persone veramente molto creative e che con uno smartphone, ora come ora, si riesca a fare di tutto (oddio che discorso da vecchia).
Però davvero mi diverto, è fonte di ispirazione, di sorrisi, quasi un modo per viaggiare in realtà distanti.

5) Cosa sogni per Gabriele? Ti piacerebbe che Gabriele diventasse un professionista rugbista

Per Gabriele e per suo fratello Andrea non sogno nulla di più che siano loro stessi gli artefici dei loro successi e che diventino persone oneste con sè stessi e con gli altri. Vorrei che diventassero delle belle persone, coscienti di ciò che provano e del fatto che se vogliono possono fare qualunque cosa 🙂 Se Gabriele vorrà proseguire nella carriera di rugbista mi farà certamente piacere perchè la filosofia che racchiude questo sport è ciò che cerco di insegnare loro, ovviamente non lo forzerò e lo aiuterò a trovare la sua strada se vorrà il mio aiuto.

6) Quanto è importante la sostenibilità per la tua famiglia? È un fattore che guida le vostre scelte?

La sostenibilità non dico che per me sia una ossessione ma poco ci manca.. Ho appena acquistato un apparecchio ad ozono per utilizzare la lavatrice a 30 gradi e fare lavaggi brevi e praticamente privi di detersivo per abbassare ancora il mio impatto ambientale. Uso pannolini lavabili (li ho usati per Gabriele e li sto usando per Andrea). Cerco di usare meno acqua possibile e di fare una corretta raccolta differenziata e di passare questo messaggio ai bambini e non solo.

Mangiamo in modo sano e cerco di fare acquisti “intelligenti” per l’ambiante e per la nostra salute. Non mangio carne da diversi anni e limito tantissimo il pesce.

Insomma.. faccio del mio meglio sbagliando e imparando, come mamma e come persona.

Grazie Fabiola per aver giocato con noi!

Doimo Cityline instamamme

Post realizzato in collaborazione con Doimo Cityline.

 

 

Condividi su: Facebook Whatsapp Twitter