Panificare in casa: la pagnotta al rosmarino

Panificare in casa è rilassante e di grande soddisfazione: la pagnotta al rosmarino è facile da fare, gustosa e ottima come accompagnamento alle zuppe

Il pane è un alimento che già col semplice profumo è in grado di evocare ricordi e sensazioni di famiglia e calore. Farlo in casa non è solo economico e rilassante, è proprio creare un’atmosfera unica!
Ultimamente sono in vena di sperimentare, ammetto che non mi capita spessissimo ma quando accade la mia cucina diventa un fucina di idee, ricette e piatti. Ero alla ricerca di un lievitato (e sì, non c’è nulla di più esaltante che vedere l’impasto crescere di volume: ha qualcosa di magico e vitale!) semplice ma d’effetto, per stupire i Patati (invero un po’ scettici sulle mie capacità di panificazione) ed ecco che ho trovato una ricetta facilissima ma dal gusto particolare: quella della pagnotta al rosmarino.
Dopo aver sperimentato, con successo, la sua riuscita, eccomi a condividerla con voi!

 

Pagnotta al rosmarino

Ingredienti per una pagnotta di circa 35-40 cm di diametro

  • 2 rametti di rosmarino fresco
  • 250g di acqua tiepida
  • 10g di lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 500g di farina 0 (o, in alternativa, di manitoba)
  • 10g di sale
  • 30g di olio evo

pagnotta al rosmarino

Procedimento

  1. Lavate e asciugate perfettamente gli aghi di rosmarino, quindi tritateli abbastanza fini nel mixer;
  2. Mettete in una platenaria l’acqua tiepida, il lievito e lo zucchero, quindi mescolate il composto per qualche minuto a bassa velocità per far sciogliere bene lievito e zucchero;
  3. Aggiungete la farina, il sale, l’olio evo e il rosmarino tritato e impastate con il gancio fino ad ottenere un impasto elastico;
  4. Togliete l’impasto dalla planetaria e formate una palla, quindi mettetela in una ciotola da lievitazione o in una ciotola normale coperta con pellicola trasparente e fate lievitare per circa 2 ore (o comunque fino al raddoppio del volume) in un luogo tiepido e riparato da correnti d’aria;
  5. Foderate la leccarda del forno con carta forno e, dopo averlo lavorato delicatamente (per non sgonfiarlo) dandogli la forma di una pagnotta, trasferiteci l’impasto;
  6. Coprite nuovamente con pellicola trasparente e lasciate lievitare per un’altra mezz’ora (io vi consiglio di coprire ulteriormente con una coperta in pile, se la avete!);
  7. Nel frattempo, portate il forno a 200°;
  8. Togliete la pellicola trasparente e fate cuocere la pagnotta a 200° per circa 40 minuti (dovrà essere ben dorata)
  9. Sfornate il pane e fatelo raffreddare su una gratella

La pagnotta al rosmarino si conserva molto bene in una busta di carta avvolta in una di plastica, ma io vi consiglio di tagliare subito a fette la parte che non pensare di consumare in tempi brevi e di congelarla, porzionata, negli appositi sacchetti.

È ottima sia come pane normale, che tostata nelle zuppe (soprattutto quelle a base di legumi), ma la morte sua (come diciamo a Roma) è con un filo d’olio evo di buona qualità messo a crudo subito prima di mangiarla… provare per credere!

Condividi su: Facebook Whatsapp Twitter