La prima colazione: investimento per il futuro!

Erano anni che non mi sedevo più di cinque minuti intorno ad un tavolo per fare colazione.
Nonostante sentissi dire da tutti che è uno dei pasti più importanti della giornata, il tempo a mia disposizione per farla bene era sempre poco.

Preferisco dormire un po’ di più… Sono di corsa… Bevo solo un caffè e via! Le mie scuse preferite.

Poi è arrivato Massimo, e in un modo o nell’altro i ritmi sono cambiati…

Dapprima eravamo addirittura ancora di più di corsa. Ma poi ho capito che stavo sbagliando. E non potevo proiettare i miei errori su mio figlio. E così mi sono fermata a riflettere. Forse la colazione è davvero così importante.

La prima colazione rappresenta infatti un momento fondamentale da cui dipende l’equilibrio nutrizionale dell’intera giornata, in particolare, per i bambini e gli adolescenti.

Come segnalato dagli esperti di Nutripedia, infatti, bambini e adolescenti sono in fase di crescita, il loro organismo necessita di energia e nutrienti in misura molto maggiore rispetto ad un individuo adulto. Non solo per svolgere tutte le attività quotidiane, ma anche per aiutare il corpo a crescere. Ecco perché bambini e ragazzi hanno bisogno più che mai di una alimentazione completa, sana, bilanciata e varia.

Colazione bambini

È evidente soprattutto in età prescolare/scolare che un bambino che salta la prima colazione o che mangia molto poco parte svantaggiato, poiché affronterà la giornata senza la giusta energia, compromettendo sia le capacità fisiche che quelle mentali. Sarà meno concentrato, stanco, debole. Sarà distratto e irrequieto e avrà una minore resistenza nelle attività fisiche e sportive.

Inoltre un bambino che salta la prima colazione sarà più predisposto al sovrappeso e all’obesità, come ci confermano anche gli esperti del sito Nutripedia.it, perché una scarsa colazione porterà il bambino ad avere fame molto presto, inducendolo a mangiare di più ai pasti successivi, magari prediligendo snack ipercalorici.

Siamo noi adulti che dobbiamo dare il buon esempio, togliere quella fastidiosa abitudine di fargli mangiare una merendina pratica e veloce magari in piedi o nel tragitto casa scuola.

Preferibili sicuramente anche secondo gli esperti alimenti come:
Latte e yogurt per un corretto apporto di grassi e proteine
– Pane, biscotti, cereali (carboidrati complessi)
– Frutta (vitamine e minerali)

E per i più piccoli invece? Cosa inventarsi? Massimo adorava l’omogeneizzato di frutta, in particolar modo quello alla pera. Insieme a una tazza di latte di crescita costituiva la sua colazione preferita.

In fondo basta organizzarsi. E se ci sono riuscita io! Semplicemente ho iniziato a portarmi avanti preparando la colazione la sera; prima di andare a letto, apparecchiando già la tavola per avere tempo per mangiare tutti insieme la mattina. Un altro modo per passare del tempo di qualità in famiglia.

Post in collaborazione con Nutripedia.it. Una guida in continua evoluzione e sempre aggiornata sulla nutrizione di mamma e bambino. Un’enciclopedia partecipata in cui gli esperti rispondono ai dubbi dei genitori e smentiscono le bufale man mano che vengono rilevate e segnalate.

Condividi su: Facebook Whatsapp Twitter