Tre Serie Tv per Ottobre

L’autunno è la stagione delle castagne, della vendemmia e delle serie tv.

Ormai è diversi anni che le serie  mi appassionano più di quanto facciano i film, nonostante il mio passato da cinefila, ma l’offerta al giorno d’oggi è talmente ampia che si rischia di incappare in serie noiose e di bassa qualità. Mi capita sempre più spesso di abbandonare la serie dopo la prima puntata e di non riuscire per settimane intere a andare oltre i primi soliti dieci minuti perché mi addormento.

Vi racconto quindi, senza pretesa di essere più di ciò che sono, ovvero una semplice telespettatrice, quali serie tv ho scoperto e apprezzato in questo periodo.

La prima serie che vi consiglio è una serie Netflix, di cui a settembre è stata rilasciata la seconda stagione: Atypical. Come genere è una commedia, che nonostante tratti un tema delicato come l’autismo, riesce ad essere leggera e delicata. Il protagonista della serie è un ragazzo con la Sindrome di Asperger, quindi una forma di autismo ad alta funzionalità, che affronta i problemi di qualsiasi adolescente, amore, amicizia e famiglia, che ovviamente lui affronta in modo atipico.

I temi e lo sviluppo della storia sono spesso banali e prevedibili, sicuramente trattati in modo superficiale di fronte all’enormità di una malattia terribile, ma nonostante questo la serie è molto gradevole perché riesce ad inserire “la diversità” nella “normalità”, perché il protagonista è davvero irresistibile e non si può che amare incondizionatamente. Non è una serie da binge watching sicuramente ma una serie da domenica pomeriggio di pioggia, con coperta, the e pigiama.

Allerta spoiler: ho sperato fino alla fine che Elsa mandasse a quel paese tutti, in primis la insopportabile figlia e scappasse a Cuba per un mese col barista. Spero ancora che accada nella terza stagione.

La seconda serie che vi consiglio è una serie originale Amazon che ha attirato la mia attenzione per la grande incetta di premi (cinque Emmy Awards e due Golden Globe, nelle categorie più importanti). Ricordo a tutti che Prime Video è compreso nel vostro abbonamento Amazon Prime, se ancora non lo avete fatto scaricatevelo perché ha un sacco di serie originali di qualità.

La serie in questione è “La fantastica signora Maisel” e narra le vicende di una brillante ragazza ebrea dell’Upper East Side di Manhattan degli anni 50 che viene abbandonata dal marito. Da casalinga perfetta a comica da palcoscenito, la serie narra di una rinascita e una rivincita tutta femminile, assolutamente imperdibile.

Una commedia che chi ama New York non può perdere, perchè trasuda “newyorkezza” da tutti i pori.

Una commedia intelligente e originale, con personaggi meravigliosi, recitata magistralmente.

Un plauso alla costumista che non ha sbagliato un abito della protagonista e che vi farà rimpiangere la moda degli anni ’50.

Unico piccolo neo, l’assoluta improbabilità di Midge come madre: i figli sono poco più che soprammobili, che compaiono come sfondo ogni tanto.

La terza serie che vi consiglio è invece di tutto altro genere e per par condicio la trovate su Sky Atlantic: si chiama Sharp Objects.

La vicenda è ambientata in una desolata provincia americana, ha come protagonista una giornalista travagliata interiormente ed esteriormente che indaga sull’efferato omicidio di due ragazzine. Un po’ Twin Peaks e un po’ True Detective come atmosfere, la serie è raffinata come Big Little Lies (infatti il regista è lo stesso) pur essendo di tutt’altro genere.

Non l’ho ancora conclusa eppure mi sento di consigliarverla senza esitazioni se vi piacciono i thriller un po’ morbosetti

Non mi resta che auguravi buona visione!

Fatemi sapere se condividete i miei consigli e cosa ne pensate di queste serie!

Condividi su: Facebook Whatsapp Twitter